IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Il Pigato doc “U Baletta” di Albenga vince il Premio Qualità Italia 2017

In totale la Liguria conquista il 1° premio, 5 menzioni e 5 attestati regionali

Più informazioni su

Albenga. Riconoscimenti a pioggia ai vini liguri al concorso enologico nazionale Premio Qualità Italia 2017. Ai produttori della nostra regione sono andati il primo premio, 5 menzioni e 5 attestati regionali: ad aggiudicarsi il titolo più importante l’azienda vitivinicola di Enrico Dario S.S. di Albenga con il suo Pigato Superiore 2015 “U Baletta” Riviera Ligure di Ponente DOC.

La terza edizione del Premio Qualità Italia 2017 sarà ricordata per il record di iscrizioni che sono pervenute dalle cantine di tutte le regioni italiane. Il lavoro degli esperti che dovevano degustare alla cieca centinaia di etichette non è stato semplice. 6 le categorie di vini in gara: Igt (Rossi, Bianchi e Rosati), Doc (Rossi annate 2016, 2015, 2014, 2013, 2012 e precedenti, Bianchi annate 2016, 2015 e precedenti, Rosati), Docg (Rossi, Bianchi e Rosati); Vini frizzanti (Rossi DOC e IGT, Bianchi DOC e IGT, Rosati DOC e IGT); Vini spumanti (Rossi VSQ, DOC VSQ e IGT VSQ, Bianchi VSQ, DOC VSQ e IGT VSQ, Rosati VSQ, DOC VSQ e IGT VSQ); Vini passiti (DOC, IGT).

I tecnici degustatori selezionati dalla Scuola di Alta Formazione e Perfezionamento “Leonardo” di Città Sant’Angelo (PE) che organizza il Concorso, sotto la supervisione di un pubblico ufficiale, hanno tributato complessivamente 18 Premi Qualità Italia, 59 menzioni e 43 Speciali attestati regionali.

Anche quest’anno il Premio ha goduto della supervisione del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali mentre la Camera di Commercio di Teramo è stata partner istituzionale dell’evento.

Forti del successo dell’evento gli organizzatori sono già al lavoro per l’edizione 2018 ma, intanto, i migliori vini premiati saranno portati in Ucraina per essere presentati all’importante Fiera di Odessa. Nei giorni delle degustazioni è stata presente anche una delegazione ucraina interessata a conoscere da vicino la qualità della enologia italiana.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.