IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Pagamenti di straordinari e indennità ai poliziotti in ritardo: il Coisp scrive ai questori liguri

Richiesta di non procedere disciplinarmente verso gli appartenenti al corpo che abbiano contratto debiti economici

Più informazioni su

Liguria. “In questi giorni il Coisp Liguria ha scritto ai quattro Questori delle province liguri invitandoli a non procedere disciplinarmente, in quanto previsto dalla vigente normativa, nei confronti delle donne e degli uomini della Polizia di Stato che
malauguratamente abbiano contratto debiti economici verso terzi, o altre mancanze,
poiché è proprio l’Amministrazione della Polizia di Stato la prima ad essere in difetto e
fuorilegge nei confronti dei suoi dipendenti”. Così Matteo Bianchi, leader del Coisp
Liguria, spiega le motivazioni della missiva inviata in data odierna ai Questori liguri.

“E’ bene che si sappia che i pagamenti per il lavoro straordinario in esubero (pagato una
miseria !!) sono in ritardo di oltre un anno e mezzo come in ritardo di oltre quindici mesi
abbondanti sono il pagamento delle indennità dovute per i servizi di specialità effettuati
dalla Polizia di Stato in favore di enti privati, quali autostrade e ferrovie ad esempio.
Come se non bastasse il fondo incentivante era previsto il pagamento per il mese di
maggio ma, alla data odierna, ancora non s’è visto nulla; ora vorremmo sapere ma se un
dipendente avesse avuto delle scadenze impellenti proprio in quel periodo ed avesse
fatto affidamento a quei denari, come avrebbe potuto onorare quei pagamenti??” proseguono dalla segreteria regionale del Coisp.

“Come può quindi un Questore della Repubblica sanzionare un proprio dipendente per una fatto in cui lui è il primo ad essere in difetto essendo il rappresentante massimo dell’Amministrazione a livello provinciale? Con quale diritto ed arroganza si potrebbe sanzionare qualcuno verso il quale si è in difetto per lo stesso motivo? Il Coisp – conclude Bianchi – vigilerà accuratamente in modo che finché l’Amministrazione non salderà i suoi debiti nei confronti dei suoi dipendenti, la stessa non si azzardi a sanzionare chicchessia nel caso malaugurato in cui lo stesso contragga debiti verso terzi. In caso contrario il COISP Liguria è già pronto per mettere in campo tutte le iniziative possibili e a norma di legge per difendere tutti i poliziotti liguri da un’evidente stortura che non può e non deve essere messa in atto, ragionando quali ulteriori azioni si possano attuare per sbloccare questo perverso sistema di debito che lo Stato ha voluto creare nei confronti dei propri servitori”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.