IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Nuoto sincronizzato, Italia quinta nel libero di squadra

Linda Cerruti, Costanza Ferro, Viola Musso e compagne si confermano in crescita

Savona. Quinte al mondo e terze in Europa. Le ragazze d’Italia crescono. Nella finale del team free ottengono il punteggio record di 91.7000. La soglia dei 92 non è più un miraggio. Le otto reginette azzurre bissano la quinta posizione conquistata nella finale del team tech. Per l’esecuzione ricevono 27.5000, per l’impressione artistica 36.8000 e per la difficoltà degli elementi 27.4000.

Beatrice Callegari, Linda Cerruti, Francesca Deidda, Costanza Ferro, Gemma Galli, Viola Musso, Alessia Pezone, Enrica Piccoli. Riserve le due debuttanti Costanza Di Camillo e Federica Sala. Si muovono sulle note di “An experiment with time” di Michele Braga con la coreografia di Burlando, Farinelli, Tomomatsu, Giallombardo.

Tutta la loro gioia si legge negli occhi verdi di Beatrice Callegari, 25 anni e mezzo, di Castelfranco Veneto, tra le più anziane della squadra, che parla a nome di tutte: “Con questa formazione abbiamo cominciato a lavorare quest’anno ma è dai mondiali di Kazan che è scattata la fase decisiva di progresso. Con le più giovani che sono entrate in squadra si è subito stabilita l’intesa. E’ il nostro miglior risultato che ci ripaga di tanta fatica e di tutte le ore di allenamento. Nei preliminari avevano ragione i giudici, non siamo state così brave e meritavamo quel punteggio, oggi invece abbiamo nuotato in modo differente, con più armonia”.

L’Italia aveva superato agevolmente la routine del team free, quando si era patiti da venticinque squadre, ma il punteggio non aveva convinto completamente (90.4667 con 27.0000 di esecuzione, 36.2667 di l’impressione e 27.2000 di difficoltà). Ma come ha detto Callegari, questa è stata un’altra squadra, più vivace, più aggressiva, più sicura di sé e leggera nei movimenti. Era terzultima in ordine di apparizione martedì sera ed è la penultima ad entrare in acqua stamattina; dopo di lei resta il Giappone.

La Russia vince con 97.3000, dopo aver vinto anche le cinque edizioni precedenti della squadra libera dei campionati del mondo di nuoto sincronizzato. La Cina è medaglia d’argento con 95.2333 e l’Ucraina medaglia di bronzo con 93.9333. Il Giappone chiude quarto con 93.1000 e la Spagna rimane sesta con 90.7000.

E questa sera alle ore 19 appuntamento da non perdere con il “Paradiso perduto” del campione del mondo Giorgio Minisini e la sua partner del misto libero Mariangela Perrupato. La storia di Adamo ed Eva, i progenitori dell’umanità, raccontata con la musica di Michele Braga e la coreografia di Anastasija Ermakova. Costume bianco swarovskato per lei, nero e più semplice per lui. Gli azzurri si distinguono dagli altri anche per la separazione netta tra uomo e donna.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.