IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Mondiali, il sincro azzurro migliora ancora: la squadra è quinta nella routine tecnica

Nella finale le italiane avvicinano l'Ucraina, grazie al punteggio massimo di sempre

Savona. Prosegue l’exploit del sincro azzurro al Varoliget Park, alle porte di Budapest, al cospetto di piazza degli Eroi. La squadra tecnica è quinta in finale con 90.7617 punti. Record per le azzurre che guadagnano 27.3000 con l’esecuzione, 27.3000 con l’impressione artistica e 36.1617 con gli elementi.

Nuotano sulla musica “The Interstellar” di Michele Braga con la coreografia curata da Burlando, Farinelli, Tomomatsu e Giallombardo. Il tema è quello di un viaggio fantastico nello spazio dove non c’è una protagonista principale e ciascuna dà sfogo alla propria immaginazione. La Spagna resta dietro (88.4687) e l’Ucraina si avvicina (92.3596).

“Partiamo con la spinta obbligatoria – spiega il tecnico federale Roberta Farinelli – e iniziamo con la sequenza di gambe di balletto, il barracuda, il nova che consiste nella rotazione verticale con spirale, il marsuino e il roket split. Belle, compatte, in tutti gli elementi abbiamo ricevuto dei nove. Nei preliminari avevamo sbagliato qualcosa ma oggi abbiamo fatto molto meglio. Siamo soddisfattissime”.

“E’ il nostro miglior punteggio di sempre – aggiunge il direttore tecnico Patrizia Giallombardo -, meglio anche di quanto avevamo ricevuto alle Olimpiadi, dove di solito sono sempre più larghi di voti, perché ci sono meno nazioni in gara”.

Vince la Russia con 96.0109 punti, accompagnata sul podio dalla Cina d’argento con 94.2165 e dal Giappone con 93.1590. L’Ucraina è quarta (e adesso meno distante dall’Italia) con 92.3596. La russa Vlada Chigireva (tra le otto in vasca oggi) raggiunge le connazionali Aleksandra Patskevic, Alla Shishkina e Angelika Timanina a quota quattro medaglie d’oro vinte in questa gara.

Manila e compagne erano quinte anche domenica nei preliminari ma con un punteggio che non le accontentava molto. “Solo 89.5587 punti, meritavamo qualcosa di più”, dicevano con la promessa di voler rifarsi in finale. Oggi sono tutte felici, soprattutto Gemma Galli, che ieri ha compiuto 21 anni brindando con tutto il team Italia. “Soltanto a Cuneo in Coppa Europa avevamo superato i 90.0000 punti – racconta con la gioia negli occhi -, ma stavolta lo abbiamo fatto in maniera decisa, siamo più vicine ai 91.0000. Obiettivo raggiunto. Ieri ho festeggiato il mio compleanno con loro e con l’oro di Manila e Giorgio. Le ragazze mi hanno regalato il braccialetto di Pandora e lo staff la sacca dei campionati”.

Si è concluso stamattina il programma tecnico del nuoto sincronizzato. Su quattro finali, tre successi della Russia nel singolo (Kolesnichenko), doppio femminile (Kolesnichenko-Patskevich) e squadra, e uno, storico, dell’Italia con Manila Flamini e Giorgio Minisini nel duo misto.

Alle ore 19 inizia il programma libero con il preliminari del doppio femminile. E’ la gara più lunga con 43 coppie iscritte e le azzurre Linda Cerruti e Costanza Ferro ultime in ordine di apparizione. “Ci alleniamo nel primo pomeriggio, poi risposiamo”, dicono preparandosi alla lunga serata.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.