IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Meteo Liguria, risveglio con maccaja: cresce l’umidità previsioni

Sul piano termico non osserveremo apprezzabili variazioni, se non una lieve diminuzione dei valori massimi, che si attesteranno grossomodo tra +24 e +28°C

Più informazioni su

Liguria.Umide correnti occidentali fanno breccia nel tessuto altopressorio. Sole, nubi e afosità gli ingredienti dei prossimi giorni. Questa ennesima ondata di calore dai lidi nord-africani raggiunge l’apice, spiega Limet. Nelle prossime ore, il trasferimento verso il Regno Unito di una vasta zona depressionaria, alimentata da masse d’aria piuttosto fresca, di estrazione artico-marittima, costringerà il cuneo sub-tropicale a chinare la testa, permettendo così l’infiltrazione di correnti più umide, provenienti dall’oceano Atlantico, sul Mediterraneo occidentale.

webcam ceriale

I primi segni tangibili di tutto ciò non si sono certo fatti attendere in terra Ligure, che stamane si desta sotto un cielo tutt’altro che terso: tra nubi di tipo alto e spesse velature, in transito da ovest vero est, e nubi di tipo basso, in risalita dal Tirreno, la cara e vecchia maccaja.

Maccaja che, già nel corso della mattinata, tenderà progressivamente a diradarsi, specie sui due estremi regionali, ove vi sarà spazio per ampi spazi soleggiati; eccepirà, in parte, il settore costiero compreso tra il savonese orientale ed il genovese occidentale, orograficamente favorito (o sfavorito, a seconda dei punti di vista), dell’effetto di risacca delle vivaci correnti sciroccali.

A proposito di correnti, da segnalare l’apprezzabile rinforzo che queste subiranno nel corso del pomeriggio sui versanti padani dell’Appennino, in particolar modo a cavallo tra la valle dell’Erro, la val d’Orba e la valle Stura: qui, le vette ed i crinali maggiormente esposti potranno saggiare raffiche fino a 40 km/h. Discrete le condizioni meteo-marine, a causa di un moto ondoso in graduale aumento.

Sul piano termico non osserveremo apprezzabili variazioni, se non una lieve diminuzione dei valori massimi, che si attesteranno grossomodo tra +24 e +28°C, senza grosse distinzioni tra la linea di costa e l’entroterra; di contro, tuttavia, assisteremo ad una generale crescita dei tassi di umidità relativa, utile, lo sappiamo, a donare sgradevoli sensazioni afose.

Sensazioni afose che si protrarranno anche per i prossimi giorni, compreso il fine settimana, quando, con tutta probabilità, verrà raggiunto il picco. Le raccomandazioni rimangono le medesime: limitare al minimo indispensabile le attività all’aria aperta durante le ore più calde, preferire frutta e verdura nei pasti e bere molta acqua.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.