IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

“Mare sicuro”, si intensificano i controlli della guardia costiera: ogni giorno 30 militari sul litorale foto

Finora effettuati 2618 controlli in ambito demaniale marittimo, ambientale, in materia di pesca e diporto

Savona. Entra nel vivo l’operazione “Mare Sicuro” della capitaneria di porto che, partita lo scorso 17 giugno, nel mese di agosto vedrà in campo un dispositivo di vigilanza ulteriormente intensificato per assicurare il massimo sforzo operativo allo scopo di vigilare sul corretto svolgimento delle attività balneari.

L’operazione della guardia costiera vede coinvolti ogni giorno 30 militari impegnati lungo il litorale savonese grazie a pattuglie a terra e a bordo di sette mezzi nautici (3 motovedette e 4 gommoni) per la vigilanza delle coste e del mare, in particolare della zona a ridosso della fascia di balneazione e durante gli orari di maggiore fruizione.

Per garantire maggiore tempestività alle persone in difficoltà, nel weekend, a bordo delle unità navali ci sono anche operatori abilitati al soccorso acquatico della Croce Rossa Italiana.

Intensa sarà anche l’attività a tutela dell’ambiente marino con un rinforzo della vigilanza nell’area marina protetta dell’Isola di Bergeggi e della Riserva naturale dell’isola della Gallinara, oltre alla prosecuzione dell’attività per il campionamento delle acque di balneazione in collaborazione con l’Arpal.

“All’attività operativa ed istituzionale di salvaguardia della vita umana in mare e di vigilanza sulla attività nautico-balneari, si aggiungono iniziative volte a divulgare la sensibilità alla corretta fruizione del mare in tutte le norme” spiegano dalla guardia costiera di Savona.

Il comandante della capitaneria di Porto di Savona, capitano di Vascello Massimo Gasparini, nell’ambito della direttiva, specificamente emanata dal Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti per le attività e i controlli da effettuarsi a favore della sicurezza della navigazione da diporto, ha messo anche in campo un’iniziativa mirata alla prevenzione degli incidenti causati dalle collisioni tra unità navali e bagnanti, o subacque, attraverso l’invio di una lettera con la quale si ricorda e si sottolinea “l’assoluta necessità sia del rispetto delle disposizioni relative all’utilizzo degli spazi di mare destinati in via esclusiva alla balneazione sia del limite massimo di velocità ( pari a dieci nodi con unità comunque in assetto di dislocamento) deve essere osservato entro i mille metri dalla costa”.

“Nel corso dei prossimi giorni verranno intensificati i controlli anche in tale ambito, assolutamente prioritario e ogni eventuale violazione delle norme di sicurezza verrà sanzionata con la ferma volontà di garantire il sicuro e ordinato svolgersi della attività nautico balneari” precisano dalla capitaneria.

Al momento, dall’inizio dell’operazione, sono stati effettuati 2618 controlli in ambito demaniale marittimo, ambientale, in materia di pesca e diporto e sono stati contestati 24 illeciti amministrativi per violazioni dell’ordinanza di sicurezza balneare (in questi casi la sanzione è pari a 1032 euro e le violazioni accertate sono relative all’accertamento di mancanza e/o non conformità di quanto previsto dall’ordinanza balneare in materia di dotazioni di primo soccorso e sicurezza, e bagnino impegnato in attività non coerenti con quanto previsto dall’ordinanza di sicurezza balneare).

Sono state poi accertate due violazioni del codice della navigazione (sanzione 2016 euro sosta mezzi meccanici non autorizzata sul demanio marittimo), una violazione in materia di pesca (sanzione 4000 euro per pesca di ricci di mare in periodo non consentito). Due invece le sanzioni per violazioni in materia di navigazione da diporto: le sanzioni (100 euro ognuna) sono state contestate a due diportisti intenti alla navigazione senza prescritti documenti al seguito. Nello stesso periodo sono state comunicate alla competente Autorità Giudiziaria) 4 notizie di reato in materia demaniale (manufatti non conformi ai titoli concessori, abusiva occupazionale demaniale marittima, sequestro di una tenda da campeggio) e detenzione di sostanze stupefacenti.

Dati che, se confrontati al grande numero di controlli fatti, confermano ancora una volta il sostanziale rispetto delle norme da parte degli operatori sia da parte dell’utenza. Per quanto riguarda i controlli di sicurezza nell’ambito della navigazione da diporto procedono con grande ritmo: ad oggi in seguito ai controlli, sono stati rilasciati oltre 300 “bollini blu”.

Il comandante Gasparini, nell’elogiare il lavoro fino ad oggi effettuato dagli assistenti di salvataggio degli stabilimenti balneari, che più in un’occasione hanno effettuato interventi di soccorso a favore dei bagnanti in difficoltà, richiama anche l’attenzione di tutti sulle principali regole prudenziali da rispettare per una fruizione sicura del mare e delle spiagge, in particolare sulla necessità di entrare gradualmente in acqua dopo una lunga esposizione al sole e comunque dopo almeno tre ore dall’ultimo pasto, nonché, presentare particolare attenzione alle condizioni di mare, evitando di fare il bagno quando è esposta la bandiera rossa o con mare agitato e raffiche di vento. Non può infatti sottacersi come o comportamenti imprudenti, oltre a produrre effetti letali, mettano a repentaglio la vita di chi presta soccorso, sia per obbligo, sia per servizio che per spirito di altruismo.

“Per ogni informazione inerente i compiti istituzionali delle Capitanerie di Porto-Guardia Costiera e in merito alle norme da seguirsi nell’esercizio delle diverse attività in ambito marittimo, è possibile visitare il sito www.guardiacostiera.gov.it, oltre che consultare le ordinanze locali. Per segnalare le emergenze in mare, è attivo 24 ore su 24 il numero blu 1530, raggiungibile sia da telefonia fissa che mobile e che permette di mettersi in collegamento con l’ufficio della Guardia Costiera più vicino” ricordano dalla guardia costiera.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.