IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Loano, sale la febbre per Edoardo Bennato: prima l’incontro coi fans e poi il concerto

Il cantastorie salirà sul palco del Giardino del Principe alle 21,30

Più informazioni su

Loano. Domani a Loano è il giorno di Edoardo Bennato, una delle icone del rock italiano, che sarà ospite della stagione musicale della rassegna “Dreams Festival”, promossa dall’Assessorato al Turismo, Cultura e Sport del Comune di Loano e curata da Dimensione Eventi, con la direzione artistica di Ivan Fabio Perna.

La serata musicale sarà preceduta nel pomeriggio dal “Meet and Greet” con l’artista, un’ora a tu per tu coi propri fans all’Ocean Bay Club di Marina di Loano. Dalle 17.00 alle 18.00 Edoardo Bennato sarà a disposizione dei suoi tanti ammiratori per autografi e fotografie.

Il cantastorie, che da oltre quarant’anni racconta con le sue canzoni il mondo reale fatto di buoni e cattivi, sbeffeggiando i potenti e inneggiando alla forza umana del popolo e dell’amore, alle ore 21.30 salirà sul palco dell’Arena Estiva Giardino del Principe per offrire al pubblico le sue favole musicali.

L’artista napoletano, che ha fuso il rock con la tradizione, proporrà un viaggio nel tempo e nel mondo. In scaletta brani epici tratti dai concept-album “Burattino senza fili”, “Sono solo canzonette”, “Abbi dubbi”, “Le ragazze fanno grandi sogni”, “ La fantastica storia del Pifferaio magico”, fino all’ultimo lavoro – “Pronti a Salpare” (2016) – ricchissimo di contenuti, in cui Bennato con la sua caratteristica ironia fotografa politica, famiglia, figli, futuro, senza mai dimenticare le proprie radici. “Pronti a salpare” si è aggiudicato nel 2016 il Premio Amnesty International Italia come miglior brano dedicato ai diritti umani scritto nel 2015.

“Viviamo un’era di grandi trasformazioni, di spostamenti biblici. – dice Edoardo Bennato – Decine di migliaia, centinaia di migliaia di disperati cercano vie di scampo alle guerre, alla fame, alla miseria e si dirigono verso il conclamato benessere del mondo cosiddetto occidentale. Sono disposti a tutto, sono disperati, sono pronti a salpare! Ma tutti quanti noi dovremmo essere pronti a salpare. Il mondo cambia e dovremmo entrare in una altro ordine di idee, guardare le cose da un altro punto di vista. Insomma, non solo gli emigranti ma tutti quanti noi in questo momento particolare dovremmo essere pronti a salpare. Ecco, il mio nuovo album si intitola proprio così…”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.