IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Incendi alla Sarr, “Facciamo Cisano”: “I cittadini vogliono garanzie su sicurezza e salute” fotogallery video

"L'assessore si è mosso tardi e senza ottenere risposte certe e garanzie"

Cisano sul Neva. “L’ultimo incendio alla Sarr sviluppatosi alcuni giorni fa e fortunatamente spento con prontezza offre lo spunto per alcune riflessioni a 360° sulla gestione dei dei roghi sviluppati da settembre 2014”. Così il consigliere comunale Agostino Morchio del gruppo “Facciamo Cisano” interviene sul bisogno di sicurezza e tutela della salute per gli abitanti e le aziende della zona.

“Sull’operato delle Forze dell’Ordine cui va la mia stima ed apprezzamento sono assolutamente certo che abbiano fatto, facciano e faranno come sempre e quindi anche in questa circostanza quanto in loro potere per ricostruire cause e motivi, accertare le verità e perseguire eventuali colpevoli a prescindere. Preso atto delle direttive impartite dalla Provincia all’azienda circa lo smaltimento dei rifiuti derivanti dalle proprie operazioni di recupero sarà mia cura vigilare con la massima attenzione sulla realizzazione del muro confinante con la strada e sulla dotazione di ogni strumento più stringente possibile rispetto agli standard minimi di legge previsti in tema di autorizzazioni e permessi rilasciati da chi preposto” aggiunge Morchio.

“Sul tema della sicurezza degli abitanti e dei lavoratori, di tutela della salute e dell’ambiente sono d’accordo senza se e senza ma, perché si tratta di temi che non hanno divisione di ruolo e di colore. Sullo sforzo di ottenere risposte alle preoccupazione e ai timori della gente di Cenesi per le proprie case ed aziende agricole personalmente ritengo però che l’assessore con deleghe ad agricoltura, frazioni, fognatura, acquedotto e consorzio irriguo avrebbe potuto attivarsi con maggiore prontezza”.

“Guido Rossi sempre attento e puntuale a prendersi in carico e risolvere velocemente importanti situazioni quali la riparazione della vasca in Piazza Gollo, ad oggi purtroppo tuttavia ancora non funzionante, o l’installazione del corrimano al cimitero in località Cenesi, avvenuta solo dopo venti mesi di sollecitazioni da parte di cittadini affetti da disabilità e difficoltà di deambulazione, ritengo doveva dare da farsi prima nell’interesse e per conto della comunità che è stato chiamato a rappresentare con il prestigioso incarico” aggiunge ancora il consigliere comunale.

“L’assessore o era in altre faccende affaccendato come ad esempio sull’attivazione della video-sorveglianza sul territorio comunale o mi risulta difficile credere che prima della richiesta del mese di giugno sulla valutazione del mantenimento dell’operatività della Sarr non fosse a conoscenza che il Comune e’ sempre stato informato con esplicite richieste di pareri sullo svolgimento/prosecuzione dell’attività dell’azienda e anche circa l’implementazione di tre nuove tipologie di rifiuto da trattare” conclude il consigliere Morchio.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.