IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Due aziende agricole savonesi premiate a Oscar Green 2017 di Coldiretti Giovani Impresa

Vincitrici l'Azienda Ittica Alalunga Pesca Professionale e l'Azienda Agricola La Felicina

Liguria. Nella mattinata di oggi, presso la Sala della Trasparenza del Palazzo della Regione Liguria, si è svolta la premiazione di Oscar Green 2017, premio giunto alla sua undicesima edizione e promosso da Coldiretti Giovani Impresa con l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica, che racconta l’agricoltura attraverso le storie e le innovazione delle aziende agricole gestiste da giovani under 40.

Alla presenza dell’assessore Stefano Mai, del presidente Coldiretti Gerolamo Calleri, del delegato regionale Federico Allavena e di tanti giovani provenienti da tutte le provincie sono stati premiati i sei finalisti regionali, uno per le 6 categorie previste dal premio: Agri-You, Campagna Amica, Crea, Fare Rete, Impresa 2.Terra e We Green. Rinnovamento, tradizione, tecnologia e comunicazione sono i principi che emergono dai sei progetti vincitori.

Tra le aziende finaliste anche due savonesi. Per la categoria Campagna Amica Davide Busca, dell’azienda ittica “Alalunga Pesca Professionale di Savona”. La società, composta da tre giovanissimi armatori, ha dimostrato che la valorizzazione del prodotto locale e il rapporto diretto con il consumatore nel rispetto delle più antiche tradizioni liguri può rappresentare la base per un’azienda di successo. Grande impegno è riservato alla tutela della pesca locale, valorizzando anche il pescato meno conosciuto e commercializzato attraverso un aperitivo bordo barca e un fish street food prodotto solo ed esclusivamente con pesce a miglio zero.

Lorenzo Ighina dell’azienda agricola “La Felicina”, è invece il vincitore della categoria We green. L’azienda savonese, gestita da lui e suo fratello, è particolarmente attenta al rispetto dell’ambiente e all’impegno di pratiche agronomiche che siano in armonia con l’ambiente circostante. Specializzato nella produzione di patate bio, nel rispetto della rotazione colturale, ha iniziato a coltivare un antichissimo grano, l’Enkir, naturalmente a basso contenuto di glutine, che gli permette non solo di rispettare l’ambiente e la biodiversità ma anche di produrre un prodotto, ricercato e sano per il consumatore finale.

“Sono state premiate le idee che mettono al primo posto tutela ambientale e sostenibilità e le forme di partecipazione tra soggetti diversi con unico grande obiettivo: rilanciare il nostro territorio, dimostrando, sempre di più, il ruolo centrale che l’agricoltura può e deve avere – afferma il delegato di Coldiretti Giovani Impresa Liguria Federico Allavena – Abbiamo premiato aziende testimonial di un’agricoltura che punta all’innovazione senza dimenticare le tradizioni, che hanno come obiettivo la tutela e l’arricchimento del nostro territorio. Siamo anche profondamente orgogliosi che una delle sei aziende finaliste liguri sia stata selezionata tra tutte le aziende vincitrici in Italia della stessa categoria e sarà tra le tre finaliste a livello nazionale: stiamo parlando dell’azienda ittica Alalunga di Savona”.

“Giornate come questa sono la conferma di ciò che diciamo da tempo, agricoltura e agroalimentare ligure possono essere la base per lo sviluppo sostenibile e occupazionale della nostra regione – il presidente regionale Gerolamo Calleri – Tutti i progetti che sono stati presentati quest’anno erano meritevoli di attenzione ed è stato difficile scegliere, dimostrando l’inventiva e la voglia dei nostri giovani. Quello di oggi è un esempio concreto di successi imprenditoriali e di come i giovani diano lustro alla Liguria e guardano con grande interesse alla qualità dei prodotti, alla sicurezza alimentare, alla tutela ambientale e alla sostenibilità, senza dimenticare le possibilità offerte dalle nuove tecnologie”.

“Sono particolarmente orgoglioso di aver premiato questi giovani grazie ai quali l’agricoltura ligure guarda al futuro e che quindi possono essere d’esempio per altri coetanei che vogliano dedicarsi a questa attività – ha detto l’assessore Mai – Attraverso le risorse del Piano di Sviluppo Regionale della misura ‘Giovani’, di recente rifinanziata con 2,5 milioni di euro, vogliamo dare un sostegno importante alle idee innovative dei nostri giovani agricoltori che, come i vincitori degli Oscar Green, sappiano interpretare le nuove richieste del mercato e dei consumatori, nel segno della continuità alle nostre tradizioni, valorizzando il territorio, anche in chiave turistica, e i nostri prodotti agricoli”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.