IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

A dieci anni dalla sua scomparsa la parrocchia di Valleggia ricorda don Pino Torcello

Nella comunità del santissimo Salvatore era arrivato nell’autunno del 1976 chiamato al non facile compito di sostituire don Genta

Quiliano. Per trent’anni è stato un punto di riferimento importante della comunità di Valleggia.  Don Pino Torcello, pastore premuroso era un attento alla vita di ognuno dei suoi parrocchiani che, a dieci anni dalla sua scomparsa, non l’hanno mai dimenticato.

Mercoledì 26 luglio, alle 18, nella chiesa del santissimo Salvatore a Valleggia, il parroco don Silvester Soosai celebrerà una Messa in ricordo del suo predecessore. Un appuntamento solenne che sarà accompagnato dai del Coro Polifonico di Valleggia, a cui don Pino era legatissimo.

Anche il rapporto con le tante realtà che gravitano attorno alla parrocchia valleggina è sempre stato speciale, in molti casi “ereditate” da don Angelo Genta e da lui custodite e fatte crescere come un tesoro prezioso di testimonianza cristiana. Al termine della Messa un breve, ma intenso ricordo con un video che ripercorrerà i momenti significativi della vita di don Pino, nato l’11 dicembre 1934 a Montagna: dall’infanzia accanto all’amata sorella Teresa fino alla sua lunga e proficua esperienza a Valleggia.

Nella comunità del santissimo Salvatore, don Torcello era infatti arrivato nell’autunno del 1976 chiamato al non facile compito di sostituire don Genta, da poco scomparso. Don Pino arrivò a festeggiare 30 anni come parroco di Valleggia, ma proprio nel 2006 passò la mano per motivi di salute: scomparve, a 72 anni, il 26 luglio 2007, nel giorno dedicato a sant’Anna, patrona delle Tagliate.

E proprio le “colonie parrocchiali” erano un’altra eredità che seppe mantenere e far evolvere, una realtà a cui teneva moltissimo. I bambini, che tanto avevano pregato per don Pino nei giorni precedenti, scesero dalle Tagliate sabato 28 per salutarlo durante i funerali celebrati dall’allora vescovo Domenico Calcagno e da numerosi sacerdoti.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.