IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Cairo, sessantacinque portieri si sono sfidati per il Keeperbattle Eurotour fotogallery

Demis Cairus conquista il pass per la finale di Berlino

Cairo Montenotte. Grande successo per la prima tappa del Keeperbattle Eurotour a Cairo Montenotte, organizzata dalla Keepersport in collaborazione con Ho Soccer e McDavid. Sabato 1 luglio sessantacinque portieri provenienti da tutto il nord Italia si sono scontrati sul sintetico del “Cesare Brin” in una battaglia molto avvincente e divertente. Due porte, due giocatori uno di fronte all’altro, 6 minuti e mezzo a disposizione, vince chi per primo riesce a segnare cinque gol.

A mettersi alla prova sei calciatori gialloblù: i giovani portieri Alessandro Crocco, Gabriele Galese, Alessandro Piccardi, Alessio Lombardo, il veterano Federico Marini e il difensore Fabio Prato che per la prima volta ha dimostrato le sue capacità anche tra i pali. In veste di arbitro invece l’estremo difensore Luca Giribaldi (in ripresa dall’infortunio alla spalla destra), insieme a lui a dirigere gli incontri Claudio Delfino e Ciro Ferrari.

Fabio Prato stupisce ogni aspettativa e conquista gli ottavi di finale. Davanti a lui Demis Cairus, sfida ad eliminazione diretta. Il terzino gialloblù mette più volte in difficoltà l’avversario, ad un minuto dal termine il risultato è di 4 a 4, è il turno di Prato, tira uno dei suoi potentissimi bolidi che l’hanno contraddistinto durante la competizione e colpisce il palo. Palla a Cairus che segna e continua la sua avventura, riuscendo a vincere il torneo. Una giornata sfortuna anche per Federico Marini che, davanti al calorosissimo pubblico di casa, sfoggia le sue abilità ma ai sedicesimi è costretto ad abbandonare la gara, perdendo 5 a 3 con l’avversario. Ottima prova per i giovani Crocco, Lombardo, Piccardi e Galese che davanti a portieri di alto livello e d’esperienza combattono fino all’ultimo, portando a casa una vittoria a testa.

A vincere il torneo e ad aggiudicarsi il pass per la finale di Berlino del 15 agosto, come anticipato, è Demis Cairus, portiere militante nella Prima Categoria torinese, che nell’estremo silenzio del “Cesare Brin”, al pari di una final di Wimbledon, scontra il bresciano Luca Boniotti, proveniente dalla Seconda Categoria. I due portieri scherzano tra loro, ma entrati in campo la concentrazione fa da padrona. Cairus si allontana di tre lunghezze, Boniotti tenta il recupero, ma non riesce. La finalissima termina 8 a 4. Festeggiamenti, applausi e tanti sorrisi al termine di una giornata in cui sport, fair play e divertimento sono stati i protagonisti.

Per quanto riguarda il resto della classifica, medaglia di bronzo per William Tartaruga, vincente nella finale 3-4 contro Marco Lorenzetti, quinto Giacomo Todde seguito nell’ordine da Alberto Magnelli, Fabio Favarin e Alessio Bozzetti.

L’appuntamento di Cairo Montenotte, il primo in un campo sintetico outdoor per la Keeperbattle (che quest’anno ha coinvolto quattro paesi, ovvero Germania, Austria, Italia e Croazia), ha superato le migliori previsioni grazie all’impeccabile organizzazione di Federico Marini, fautore dell’iniziativa e proprio a lui vanno i ringraziamenti da parte dell’Asd Cairese che per l’occasione ha messo a disposizione gli impianti sportivi e le cucine. “Grazie alla Keepersport che ha creduto in noi, ai partecipanti, agli sponsor e soprattutto a Federico per il grande impegno e lavoro svolto – commenta il direttore generale gialloblù Franz Laoretti -. Mi auguro che la giornata di oggi sia un punto di partenza per portare a Cairo altre edizioni di questa bellissima manifestazione”.

Un invito accolto a braccia aperte dagli organizzatori della Keeperbattle: “Ci avete ospitato come una famiglia, siamo molto felici di essere stati qui con voi e siamo certi di poter rinnovare l’appuntamento anche il prossimo anno”.

In attesa dell’ottava edizione, sempre a Cairo Montenotte nel mese di settembre avrà luogo la Keeperbattle Junior dedicata ai giovani portieri.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.