IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Bando regionale per mense scolastiche con prodotti a km 0: in campo tre progetti

Dibattito in Consiglio regionale dopo l'interrogazione del consigliere Melis con la risposta dell'assessore Mai

Liguria. Il consigliere regionale Andrea Melis (Mov5Stelle), nel corso del Consiglio regionale, ha presentato un’interrogazione, sottoscritta dai colleghi del gruppo, in cui ha ricordato che l’assessore Stefano Mai aveva annunciato la preparazione di un bando “modello” per i Comuni che potranno mettere a gara il servizio di refezione scolastica con l’utilizzo di prodotti del territorio e che dal prossimo anno scolastico partirà il progetto ministeriale “frutta e verdura nelle scuole”.

Melis ha chiesto in che modo il bando regionale andrà a coordinarsi e integrarsi con il progetto ministeriale e con le “linee di indirizzo per la ristorazione scolastica della regione Liguria” e quando sarà pubblicato il bando per consentire ai singoli Comuni di coinvolgere i piccoli imprenditori locali (allevatori, agricoltori e pescatori) nella fornitura dei prodotti tipici del territorio nelle mense scolastiche.

“Siamo favorevoli all’uso di prodotti del territorio e a chilometro zero nelle mense scolastiche liguri. Lo abbiamo espresso chiaramente oggi in Consiglio regionale con un’interrogazione nella quale abbiamo chiesto maggiori informazioni sul bando regionale lanciato dall’assessore Mai nelle scorse settimane. Esiste, ad esempio, un coordinamento con il progetto “Frutta e verdura nelle scuole”? E quando sarà pubblicato ufficialmente il bando?” si è chiesto Melis.

“Domande alle quali l’assessore all’Agricoltura ha risposto ancora una volta in maniera vaga, evasiva e pasticciata. Ancora una volta siamo di fronte ad hashtag e slogan, ma a tutt’oggi non sono ancora chiari tempi e modalità d’attuazione del progetto”.

“Inserire prodotti locali nelle mense scolastiche è una scelta su cui il MoVimento 5 Stelle è sempre stato in prima fila. Ed esistono già esempi virtuosi in alcune aree. Se la Regione può contribuire anche economicamente per agevolare la diffusione del progetto nei piccoli comuni, si faccia promotore di accordi con le associazioni di categoria e i produttori, sfruttando anche i fondi Psr per lo sviluppo rurale. Il confronto di oggi in Consiglio ha dimostrato che c’è ancora troppo caos sul tema. Ci attendiamo al più presto novità concrete: per ora siamo solo alle buone intenzioni” ha concluso Melis.

L’assessore all’agricoltura Stefano Mai ha risposto che esistono tre progetti. In particolare uno riguarda il consumo di frutta e verdura nelle scuole. Mai ha detto di aver sollecitato il governo a predisporre bandi regionalizzati, in modo da utilizzare piattaforme regionali che consentano di utilizzare i prodotti locali che garantiscono una maggiore freschezza e di aiutare le imprese agricole locali.

Per quanto riguarda il progetto relativo ai prodotti a chilometro zero, l’assessore ha aggiunto che si sta pensando ad un bando-modello che permetta di mettere a gara le mense che riguardano contemporaneamente più plessi scolastici. Il terzo progetto riguarda l’utilizzo del “pesce povero” che viene rigettato in mare al momento della pesca. L’assessore ha puntualizzato che i menù saranno sempre concordati e oggetto di supervisione da parte delle Asl.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.