IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Autovelox senza preavviso sull’A10 e sull’Aurelia? Un’ipotesi senza certezza

La vera novità nella direttiva riguarda sicuramente l’estensione dei compiti degli osservatori

Savona. Rendere fuori legge le segnalazioni preventive di autovelox e tutor in autostrada? Per il nostro governo “inducono a manovre di emergenza” e così, alla vigilia del periodo vacanziero per eccellenza, ci si prepara a ricevere l’ennesima stangata. Se ne parla, ma ad onor del vero resta ancora tutto da chiarire perché il governo su questa vicenda avrebbe già in parte raddrizzato il tiro.  Sull’Autofiori tra Ventimiglia e Savona la polizia stradale potrá controllare la velocitá delle auto senza avvisi sui pannelli variabili? E’ una ipotesi. Non una certezza che comunque ha alimentato preoccupazioni tra gli automobilisti.

Multe salate e punti a rischio per chi supera i 130 chilometri orari lungo il tracciato tra il confine di Stato e l’allacciamento con l’A6 per Torino e il proseguimento per Genova. E non è del tutto da escludere che anche le app non offriranno più preziosi consigli che avvisano la presenza di un rilevatore di velocità. E la musica non cambia per i navigatori di bordo.

Da sempre, si sa, che la multa è il modo migliore è più semplice per far cassa, basti guardare i bilanci delle amministrazioni comunali, per capire che la voce più corposa nella tabella entrate è rappresentata dalle contravvenzioni.  Autorevoli magistrati come il Procuratore Generale di Roma, Giovanni Salvi sostiene la rivoluzione : “Il fatto di segnalare con anticipo un controllo di polizia è una cosa illogica e che molte volte rende di fatto inutile il pattugliamento. Levare – prosegue Salvi- queste segnalazioni preventive rimetterà legalità sulle nostre strade: deve passare il concetto che gli automobilisti devono sempre viaggiare entro i limiti di velocità, non solo quando ci sono i controlli”.  La vera novità nella direttiva riguarda sicuramente l’estensione dei compiti degli osservatori costituiti nelle Prefetture per monitorare i problemi legati alla velocità, ovvero gli organismi che decidono su quali tratti della viabilità ordinaria si possono effettuare controlli senza essere obbligati a fermare i trasgressori.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.