IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Atti falsi per far credere al cliente di aver depositato un ricorso: l’avvocato Bellandi patteggia

Il legale savonese ha risarcito l'ex cliente con 30 mila euro: doveva rispondere delle accuse di falso e patrocinio infedele

Più informazioni su

Savona. Falso e patrocinio infedele. Sono i reati per i quali questa mattina l’avvocato Antonella Bellandi ha patteggiato otto mesi di reclusione e 400 euro di multa, con la sospensione condizionale della pena, dopo aver versato una somma di 30 mila euro a titolo di risarcimento danni.

A querelare il legale savonese (difeso dal collega Alfonso Ferrara) era stato un suo cliente, l’imprenditore ingauno Mario Roba, titolare della Merloflor di Ortovero, un’azienda del settore florovivaistico dichiarata fallita nel novembre scorso. Un fallimento che secondo il titolare dell’azienda (che in questo procedimento era tutelato dall’avvocato Patrizia Rava di Imperia) era strettamente collegato proprio con le inadempienze ed omissioni dell’avvocato Bellandi che avrebbero aggravato la sua situazione economica.

La Procura di Savona contestava infatti alla professionista savonese di aver formato, tra il 2011 e il 2015, atti e attestazioni falsi relativi ad un fantomatico ricorso per opporsi ad una procedura esecutiva immobiliare (pignoramento) notificata al suo cliente di allora. Atti che però, secondo l’accusa, non erano mai stati depositati in tribunale.

L’avvocato Bellandi inoltre, per rassicurare il cliente, gli aveva consegnato un provvedimento di sospensione della procedura esecutiva immobiliare completamente falso (addirittura con la firma di giudice e cancelliere false). Un comportamento che è costato al legale anche l’accusa di patrocinio infedele per aver omesso di redigere atti defensionali della causa del suo cliente.

Secondo la parte civile il danno provocato dal comportamento dell’avvocato Bellandi ammonterebbe a 500 mila euro. Una tesi che è stata contestata dal difensore dell’imputata, l’avvocato Ferrara, che infatti ha raggiunto l’accordo di versare 30 mila euro come anticipo su un eventuale danno che dovrà però essere dimostrato in sede civile.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.