IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

ATO, Intrabormida: “Occorre più impegno degli amministratori per il controllo della qualità dei servizi”

"La Val Bormida ha un numero di abitanti non trascurabile"

Provincia. “Il nostro comprensorio ha un numero di cittadini assolutamente non trascurabile, circa 40mila, in un’area pedemontana che presenta delle difficoltà sia in ambito orografico sia infrastrutturale. Ad oggi cogliamo positivamente gli sforzi compiuti dagli amministratori locali per arrivare ad una positiva conclusione di un ATO idrico con gestione pubblica in house”. La formazione sociale Intrabormida entra nel merito della questione Ambiti Territoriali Ottimali attraverso il suo portavoce Gio Lucas Incorvaia, avvocato e consigliere comunale di minoranza a Plodio.

La gestione dei servizi comunali in forma associata sta infatti gradualmente producendo una rivoluzione silenziosa per la definizione delle politiche locali e “riteniamo che occorrerà un maggiore impegno da parte degli stessi amministratori affinché i cittadini siano in grado di esercitare un controllo della qualità del servizio e delle tariffe”, prosegue Incorvaia.

“Per quanto riguarda, invece, la raccolta dei rifiuti urbani, bisognerà aspettare il 2021 per beneficiare dei vantaggi derivanti dall’uniformità del sistema di raccolta dei rifiuti e della gara di appalto unificata – dichiara il portavoce – Anche in questo caso ruolo determinante sarà l’esercizio di controllo da parte dei singoli consigli comunali”.

Più articolato è invece il discorso sul trasporto pubblico. Intrabormida si augura che “i futuri amministratori perseguano gli obbiettivi di un trasporto sostenibile, dirottando le risorse sulla rete ferroviaria con un sistema di navette integrato da minubus elettrici o a combustione ibrida per le tratte cittadine e periferiche dell’entroterra. Purtroppo, oggi, il cittadino valbormidese paga il trasporto pubblico su gomma ben tre volte: contributo comunale, costo del titolo di viaggio e contributo regionale per avere, tuttavia, un servizio, soprattutto nei piccoli centri urbani, insufficiente”.

Gli ATO, cosiddetti ambiti territoriali ottimali, sono le suddivisioni amministrative del territorio che raggruppano tra di loro una pluralità di Comuni con la finalità di un efficientamento economico nella gestione di alcuni servizi pubblici essenziali tra i quali il servizio acquedotti e fognature, il servizio raccolta rifiuti urbani ed il servizi di trasporto pubblico. Con la Legge Regionale n. 1 del 2014, la Regione ha ridelimitato gli ambiti territoriali ottimali suddividendo la Provincia di Savona in 3 ATO. La Valbormida è ricompresa nell’ATO Centro Ovest 2.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.