IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Andora, al via i lavori sulle scuole di via Cavour a rischio crollo

Ritmi serrati per far rientrare i ragazzi delle medie a scuola già in autunno

Più informazioni su

Andora. Hanno preso il via questa mattina i lavori di consolidamento necessari e urgenti sulle strutture portanti del plesso scolastico di Via Cavour, dichiarato inagibile perché a rischio di crollo a seguito di approfonditi controlli che, nell’aprile scorso, hanno evidenziato l’estrema fragilità dei pilastri.

Con la consegna dei lavori alla ditta incaricata, avvenuta ieri mattina, inizia il primo lotto di intervento che riguarderà la porzione del plesso che ospita le scuole secondarie di primo grado, in modo da poter consentire il rientro degli alunni della “Benedetto Croce” già nell’autunno del 2017.

“In linea con l’obiettivo di riconsegnare al più presto ai ragazzi una scuola sicura, è stato chiesto alla ditta di realizzare un cantiere che preveda ritmi serrati. Opereranno due squadre, formate da 14 persone, in due turni di lavoro quotidiani – ha dichiarato il sindaco Mauro Demichelis – è stato già definito il cronoprogramma di questo primo lotto di opere di consolidamento necessarie e urgenti per garantire all’edificio scolastico di sopportare i carichi derivanti dalla presenza degli alunni all’interno delle aule e negli spazi comuni. I lavori permetteranno anche di raggiungere livelli di sicurezza sensibilmente superiori anche in caso di eventi sismici. Per tutto il 2018, proseguiranno le opere di consolidamento sulla restante parte dell’edificio, dando priorità agli interventi nelle parti interne in modo da ricollocare al più presto gli alunni nelle loro classi”.

L’ intervento di messa in sicurezza, che prevede un investimento da parte del Comune di 846.830,26 euro, riguarderà sia le strutture portanti interne che quelle perimetrali. Previsto, prioritariamente, il ripristino e il rinforzo strutturale di travi e pilastri e l’eliminazione di tutte le parti deteriorate di calcestruzzo. L’incremento della resistenza verrà ottenuto mediante confinamento delle strutture esistenti, utilizzando tessuti o lamine in fibra di carbonio. Le superfici saranno quindi completate con cicli di verniciatura e infine rivestite con lastre in silicato di calcio con adeguata resistenza al fuoco.

Si tratta di interventi invasivi che riguarderanno tutti gli elementi portanti posti all’interno del fabbricato e nei pressi delle pareti perimetrali. Per poter realizzare un efficace e spedito intervento sui pilastri perimetrali dell’edificio, saranno l’eliminate le costolature esistenti sulla facciata, la quale, al termine dei ripristini strutturali, sarà rivestita con la posa di una coibentazione “a cappotto” che rivestirà l’intero edificio e consentirà di perseguire migliori risultati di comfort termoigrometrico all’interno delle aule e sensibili risparmi dei consumi energetici. Saranno infine completamente rifatti gli impianti e i servizi igienici della scuola che verranno coinvolti nelle opere di demolizione necessarie al rinforzo della strutture portanti.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.