IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Albenga, nuovo faccia a faccia per viale Pontelungo: pronto il “decalogo” per i commercianti

Ieri sera l'atteso incontro tra commercianti e amministrazione comunale nel segno del dialogo

Albenga. E’ ormai pronto il “decalogo” per i commercianti di viale Pontelungo messo a punto con l’amministrazione comunale in merito alla situazione sicurezza e decoro della via albenganese. Il “decalogo” prevede dieci punti di regole di buona convivenza, con l’obiettivo di dare una nuova prospettiva rispetto ai problemi degli ultimi tempi, che hanno fatto preoccupare molti residenti della zona.

Dopo un primo incontro, ieri sera si è svolta una seconda riunione alla quale hanno preso parte il sindaco Giorgio Cangiano e il vice sindaco Riccardo Tomatis, con lo scopo di trovare una linea comune e sinergica. All’incontro hanno preso parte i molti commercianti stranieri di viale Pontelungo ma anche gli esercenti italiani: “Clima di massima sintonia, unità e collaborazione – ha detto Tomatis – Mi pare che il decalogo possa essere un risultato concreto che come amministrazione abbiamo voluto per finalità inclusive e di integrazione, con l’obiettivo di favorire i giusti atteggiamenti e comportamenti a tutela della sicurezza e dell’ordine pubblico: anche i commercianti hanno compreso che quanto fatto è nel loro interesse, così come è nell’interesse della nostra cittadina”.

I commercianti sottoscriveranno il decalogo e lo dovranno fare applicare nella loro attività quotidiana di lavoro,  dalla pulizia, allo stop ad assembramenti troppo numerosi o rumorosi davanti ai negozi, ingressi sempre liberi e monitoraggio rispetto alla clientela. “Regole e accorgimenti che potranno dare risultati importanti, fermo restando le attività di controllo che continueranno ad essere svolte dalle forze dell’ordine” aggiunge ancora Tomatis.

“E’ emersa una volontà comune di voler cambiare l’immagine di viale Pontelungo e per questo, naturalmente, siamo pronti a fare la nostra parte incentivando anche infinitive ed eventi che possano dare nuova vita alla via albenganese” conclude il vice sindaco con delega al commercio del Comune albenganese.

Ecco una prima bozza del decalogo:
– Collaboriamo nel tener pulita la città non abbandonando a terra lattine bottiglie, mozziconi di sigarette e rifiuti vari, in una città pulita si vive meglio

– Evitiamo di sederci per terra o sui gradini dei negozi e dei portoni, nella nostra cultura si siede a terra solo chi è caduto o si sente male.

– Non ostacoliamo il passaggio dei pedoni sul marciapiede formando gruppi che lo occupano completamente, soprattutto bambini ed anziani si troverebbero in difficoltà.

– Il marciapiede non deve essere usato come una pista ciclabile, e’ pericoloso, in bicicletta si va per strada.

– Collaboriamo nell’identificare e nell’allontanare chi crea problemi di ordine pubblico,siano essi Italiani o stranieri, in una città sicura si vive meglio.

– I titolari delle attività commerciali vivono grazie al loro lavoro; non creiamo loro problemi ed ascoltiamo le loro indicazioni.

– Impegniamoci ad aiutare chi e in difficoltà, anche un piccolo gesto di aiuto e di solidarietà aiuta a creare una comunità

– Non occupiamo il parco giochi, e’ importante che i bambini abbiano spazi dove giocare

– Evitiamo di urlare e di ascoltare musica ad alto volume sopratutto la sera, i residenti hanno il diritto di riposare.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da hadrianus

    leggo nel decalogo : il marciapiede NON deve essere usato come pista ciclabile….., in bicicletta si va per strada.
    Benissimo allora cosa si aspetta ad usare lo stesso criterio per tutta la città ? in particolare vedasi CENTRO STORICO – PIAZZA DEL POPOLO – VIALI MARTIRI E ITALIA – VIA DEI MILLE – ed altro.
    MAI ( RIPETO MAI ) UN VIGILE CHE FACCIA RISPETTARE QUESTA CONDIZIONE.