IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Undici reti e un ricco post gara nella sfida tra “vecchie glorie” di Albisola e Santa Cecilia

Successo per gli Orange per 6 a 5; molto apprezzato da tutti i partecipanti l'evento organizzato da Gigi Cavaliere

Albisola Superiore. Sabato 10 giugno si sono affrontate sul campo Pomina di Luceto le “vecchie glorie” di Albisola e Santa Cecilia, nel loro sesto ritrovo.

Il tradizionale confronto articolato in tre tempi da 25 minuti, un quarto da 1 ora e mezza consistente in una grigliata e un quinto a brindare tutti insieme, ha visto nella parte giocata la vittoria per 6 a 5 degli Orange guidati da mister Furio Chiarbonello (sette giocatori militavano nella stessa squadra di 41 anni fa ed erano chiamati “I Messicani”) sui Blues, trainer Nicolò Clemente.

Il bomber Ubertone in evidenza con tre centri, seguito con due da Gullaci e uno stupendo gol di Cavaliere che ha strappato applausi al foltissimo pubblico presente, tra il quale spiccavano due noti mister, Corrado Teneggi e Redo Guerrini.

Per l’Albisola a segno con una doppietta l’altro bomber Teneggi e Schipani, assolo di Venturino.

Clamoroso quanto battagliato pareggio nel quarto tempo “con le ganasce”, dove tutti sono stati all’altezza della situazione. Nel tempo finale, malgrado alcune defezioni, le “gole secche” dei giocatori, con la partecipazione di alcuni tifosi, sono state ben annaffiate al Saloon di Albisola dove i liquidi “scendevano” infinitamente tra soddisfazione ed allegria con sfottò a go go tra tutti i partecipanti.

Gigi Cavaliere, perno dell’organizzazione, ringrazia per l’aiuto Franco Gaiero che si è consumato nella preparazione del barbecue, così come l’ospite Paolo Gerra (arrivato dalla Sardegna), la signora Monica Gaiero (aiuto chef) e Maurino Gullaci per la spesa fatta insieme.

“È stato tutto molto bello – chiosa Cavaliere -, oltre ai soliti ‘stranieri’ Paolo Gerra e Davide Benasso che arriva da Vercelli, quest’anno abbiamo avuto l’onore di avere con noi il portierone Maurizio Di Maggio (arrivato da Roma) e il fuoriclasse Massimo Digiovinazzo (arrivato da Milano), vedere l’emozione nei loro occhi è stato bellissimo”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.