IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Le associazioni di IVG.it - ARCI Savona

Informazione Pubblicitaria

Nel Week-end al Nuovo FilmStudio di Savona: Sieranevada

Più informazioni su

SieraNevada
di Cristi Puiu, con Mimi Branescu, Judith State, Bogdan Dumitrache,
Francia/Romania/Bosnia-Herzegovina 2016, 173′

ven 23 giugno (18.00 – 21.00)
sab 24 giugno (17.30)
dom 25 giugno (15.00 – 18.00 – 21.00)
lun 26 giugno (15.30 – 20.30)

A Bucarest, tre giorni dopo l’attacco contro Charlie Hebdo e quaranta giorni dopo la morte del padre, il quarantenne medico Lary trascorre il sabato insieme alla famiglia, riunita in occasione della commemorazione del defunto. Non tutto, però, va come previsto: tra segreti e bugie, costumi di carnevale sbagliati e nostalgie del regime, sbornie da smaltire e complotti da sventare, Lary si vedrà costretto a riconsiderare il proprio posto all’interno della famiglia. E a dire la sua parte di verità…

Cristi Puiu è forse la personalità più interessante di un nuovo cinema rumeno da diversi anni emergente, e il suo quarto film è un gioiello tanto di drammaturgia, quanto di regia e direzione del set e degli attori. Accolto trionfalmente al Festival di Cannes dello scorso anno, “Sieranevada” è un affresco trascinante che apre allo spettatore le porte di un pomeriggio trascorso in una famiglia in cui si intrecciano segreti e rancori, risate e benevole prese in giro, discussioni politiche e ricordi di persone ormai lontane. Puiu si dichiara fin da subito, grazie ai movimenti della macchina da presa, come colui che spia e fa spiare uno spaccato di società su cui lascia al pubblico esprimere un giudizio. Il regista non si limita solo a riprodurre la realtà, ma riesce a parlare ancora una volta del suo paese e dell’enorme cambiamento che ha dovuto affrontare, con realismo e ironia: racconta della difficoltà di comunicare tra vecchie e nuove generazioni, del terrorismo, di religione, delle colpe dei padri, dell’importanza della memoria. Se “Sieranevada” riesce a unire temi serissimi a racconti spesso esilaranti e sopra le righe è perché il suo autore ha l’incredibile dote della naturalezza che permette davvero allo spettatore di sentirsi a casa. Insieme a una famiglia folle e caotica, appena conosciuta, ma che non si può non riconoscere anche un po’ propria.

NuovoFilmStudio c/o Officine Solimano
Piazza Pippo Rebagliati, Savona
Ingresso con tessera ARCI

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.