IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Trovati con panetti di hashish e spinelli: tornano liberi, ma non potranno restare in provincia di Savona

Nei guai sono finiti due pregiudicati tunisini e una loro connazionale: i militari hanno sequestrato anche 6500 euro in contanti

Più informazioni su

Borghetto Santo Spirito. Sono stati processati per direttissima questa mattina Mourad Ben Ali, 38 anni, Sami Maayoufi, di 35, e Dalila Ben Rebeh Ep Atek, di 41, i tre tunisini arrestati ieri a Borghetto dai carabinieri con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Il giudice ha convalidato tutti gli arresti, ma ha rimesso in libertà gli imputati con la misura del divieto di dimora in provincia di Savona. Vista la richiesta di termini a difesa dei loro difensori, il processo è stato invece rinviato al prossimo 22 settembre.

L’arresto dei tre nordafricani ha preso le mosse da un normale controllo stradale sul lungomare Matteotti di Borghetto. Ben Ali e Maayoufi, entrambi pregiudicati, sono stati fermati dalla pattuglia, ma sono apparsi stranamente nervosi tanto da insospettire i carabinieri. Nei loro confronti è quindi scattata una perquisizione personale e dell’auto nel corso della quale sono saltati fuori alcuni spinelli.

A quel punto gli uomini dell’Arma della stazione di Borghetto sono risaliti anche all’indirizzo dell’abitazione in uso ai due marocchini per effettuare un controllo domiciliare. Una scelta che si è rivelata decisiva visto che nell’alloggio, dove c’era la donna, Ben Rebeh Ep Atek, sono stati trovati tre panetti di hashish del peso complessivo di tre etti e mezzo e 6500 euro in contanti.

Terminata l’attività investigativa, che è stata coordinata dal luogotenente Milano, per i tre cittadini nordafricani sono così scattate le manette con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Dopo la notte trascorsa in camera di sicurezza nella caserma di Albenga, questa mattina, sono stati appunto processati per direttissima in tribunale a Savona.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da ospite di Alassio pagante IMU

    Buongiorno.
    Non so che leggi abbiamo.
    Tre stranieri, ospiti in Italia, trovati con l mani nel sacco a delinquere e messi in libertà in attesa di processo.
    Cosa ci si deve aspettare da questi, che rimangano fuori provincia??
    Chi li controlla…
    Al loro paese, dopo un reato, non sarebbero sicuramente in libertà.
    Se non cominciamo mandare a casa loro gli stranieri che delinquono o perlomeno mettere tutti i delinquenti presi sul fatto, in prigione almeno per meta pena minima per il reato commesso, in attesa del processo, è una chimera la sicurezza e la certezza della pena.
    Uno preso commettere un reato, deve finire in gattabuia e non a spasso a ridelinquere…