IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Riunito il tavolo sull’autismo, Viale: “Aumento dei casi frutto di maggiore attenzione e diagnosi più accorte”

"Rimane lavoro da fare su presa in carico e continuità assistenziale in età adulta”

Più informazioni su

Regione. Aumentano i casi diagnosticati di disturbi dello spettro autistico in Liguria: dal 2008 ad oggi il numero dei pazienti seguiti dai servizi territoriali delle Asl è triplicato, passando da 496 nel 2008 1.562 nel 2017, ad oggi.

“Questo incremento è legato ad una sempre maggiore attenzione verso i disturbi pervasivi dello sviluppo, ad una capacità di diagnosi sempre più accorta e soprattutto precoce, ad una crescente consapevolezza del fenomeno anche da parte del mondo della scuola oltre che alla risposta sempre più efficace dei centri territoriali dedicati a queste patologie”, spiega la vicepresidente e assessore alla sanità Sonia Viale, che oggi ha presieduto e coordinato la riunione del tavolo regionale sull’autismo.

Costituito nel dicembre del 2015, il tavolo riunisce i rappresentanti di Alisa, delle cinque Asl liguri, dell’ospedale pediatrico Gaslini, dell’Università, delle associazioni del familiari e dei pediatri di libera scelta. Alla riunione odierna hanno partecipato anche i dipartimenti regionali della formazione e delle politiche del lavoro, con l’obiettivo di garantire risposte efficaci e concrete alle problematiche sollevate dalle associazioni dei familiari e legate al mondo della scuola o all’inserimento lavorativo dei pazienti affetti da queste patologie.

“Grazie al lavoro svolto dal tavolo in poco più di un anno – spiega la vicepresidente Viale – oggi possiamo dire che l’integrazione socio-sanitaria è una realtà. Con il coordinamento di Alisa e l’istituzione dei direttori socio-sanitari sarà possibile migliorare ancora questo aspetto, fondamentale per la vita di queste persone, con un sempre maggiore collegamento tra le strutture sanitarie da un lato e le strutture territoriali, i Comuni, il mondo del sociale e i pediatri dall’altro”.

“Rimane – aggiunge l’assessore alla sanità – un grande lavoro da fare rispetto alla presa in carico di questi pazienti e anche in relazione alla continuità assistenziale dopo il compimento della maggiore età: l’obiettivo è quello di garantire la corretta definizione dei percorsi individuali dei pazienti nel passaggio dall’età pediatrica all’adolescenza fino all’età adulta”.

A livello territoriale, sono 159 i pazienti in carico ai servizi di neuropsichiatria e disabilità della Asl 1 imperiese per patologie legate a disturbi dello spettro autistico; nel savonese si registrano 222 casi seguiti in Asl 2.

Nel corso della riunione, si è comunicato che verrà istituita una “rete autismo” che coinvolgerà i tecnici per formulare proposte concrete da sottoporre poi al tavolo regionale allargato. Per quanto riguarda le strutture, ogni Asl ligure ha un polo dedicato all’autismo con diverse unità operative decentrate sul territorio. A queste, si devono aggiungere l’unità operativa complessa di neuropsichiatria infantile presso l’istituto pediatrico Gaslini e diversi centri privati accreditati in ciascuna provincia.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.