IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Primarie Pd, Michele Emiliano escluso in Liguria e Lombardia

Lo ha deciso la commissione congresso del partito

Liguria. Michele Emiliano non potrà partecipare, in Liguria, alle primarie del Pd che si terranno il prossimo 30 aprile. Lo ha deciso la commissione congresso del partito dopo che la mozione che fa capo al presidente della Puglia non ha raccolto le firme necessarie a presentare la candidatura.

Emiliano è stato escluso dal voto anche in Lombardia: il suo nome non comparirà quindi nella scheda per l’elezione del prossimo segretario del Pd. La mozione, a quanto si apprende, è riuscita a raccogliere le cinquanta firme necessarie a presentare una lista a sostegno del segretario solo nel collegio di Genova, per la Liguria, e in cinque collegi della Lombardia. Ma lo statuto del Pd prevede che per essere ammessi alle primarie bisogna aver raccolto le firme in almeno la metà delle province di ogni singola Regione.

La commissione congresso, in una riunione aggiornata più volte da ieri, ha provato a cercare una mediazione. La proposta era quella di ammettere il candidato solo nei collegi dove era in regola con le firme, ma i rappresentanti di Emiliano in commissione avrebbero respinto questa soluzione. Il nome di Emiliano, a questo punto, non può comparire sulla scheda delle primarie nelle due Regioni perché il regolamento delle primarie prevede che si votino le liste di candidati all’assemblea nazionale, collegate a ciascun segretario.

Ipotesi però contestata da Francesco Boccia, deputato Pd esponente della mozione Emiliano. “Le firme per Emiliano ci sono: in Liguria in tutti i collegi, in Lombardia in più della metà. Non mi pare ci sia nessun organo ufficiale del partito che comunichi l’esclusione, ma solo notizie diffuse ad arte che riteniamo infondate: la decisione è delle commissioni regionali, se e quando ci verrà notificata noi faremo appello. Non vorrei che il congresso del Pd diventasse un problema di burocrazia”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.