IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Pd, ecco le liste per l’assemblea nazionale: anche nel savonese inizia la corsa per le primarie

Ecco le liste delle tre mozioni in vista delle primarie del 30 aprile

Più informazioni su

Savona. Il sindaco di Ventimiglia Enrico Ioculano capolista. E poi in ordine: Barbara Pasquali, Nino Miceli, Federica Zunino, Valerio Ferrari, Danja Stocca e Giovanni Sciolè. Sono questi i sette nomi per l’assemblea nazionale del Pd collegati alla mozione di Matteo Renzi, in corsa per le primarie del partito Democratico che porteranno all’elezione del nuovo segretario nazionale, Oggi sono state infatti presentate le liste dei vari collegi liguri: i nomi riguardano la circoscrizione Savona-Imperia.

Sono stati resi noti anche i nomi dei candidati per la mozione di Andrea Orlando: Anna Giacobbe, Leandro Faraldi, Donatella Albano, Mauro Righello, Elisa Di Padova, Davide Damonte e Mattea Petrotto.

Per quanto riguarda la lista a sostegno della mozione di Michele Emiliano, ecco i cinque nominativi: Riccardo Rollè, Maria Rifiuti, Pierfrancesco Guagnano, Maria Teresa Lamparelli e Giuseppe Ciavarella.

Il posizionamento nelle rispettive liste consentirà di ottenere l’ingresso all’assemblea nazionale sulla base delle preferenze che saranno ottenute dalle rispettive mozioni nel voto delle prossime primarie.

Ora le due liste saranno al vaglio della competente commissione regionale del Pd che dovrà ratificarne la validità. E per le prossime primarie del 30 aprile è già iniziata la campagna elettorale, con le rispettive mozioni impegnate in incontri e appuntamenti in vista del voto.

Quanto al Pd provinciale, il neo segretario Giacomo Vigliercio annuncerà la formazione della nuova segreteria e la convocazione della prima assemblea provinciale del nuovo corso dopo l’esito delle primarie del 30 aprile.

Sulla formazione delle liste ecco il commento arrivato dal Comitato ligure a sostegno della candidatura di Matteo Renzi: “Abbiamo costruito liste competitive e rappresentative dei territori e delle diverse sensibilità. Abbiamo lavorato per rappresentare al meglio l’articolazione territoriale dei singoli collegi, coinvolgendo amministratori locali ma anche professionalità specifiche. Grande spazio a sindaci, consiglieri comunali, presidenti di municipio e esponenti del partito a livello locale”.

“Abbiamo tenuto un giusto equilibrio di competenze, esperienza e rinnovamento attraverso un lavoro di squadra che ha coinvolto tutti alla definizione delle liste. Nessun parlamentare è presente e questo ha consentito di poter aprire le nostre liste al contributo di tante e tanti. Già da oggi l’area dei sostenitori di Renzi è al lavoro per una forte affermazione alle primarie del 30 aprile. Abbiamo grande fiducia che anche gli elettori confermeranno e se possibile rafforzeranno il risultato che ha già visto prevalere Renzi tra gli iscritti”.

Ecco il commento del Comitato a sostegno di Orlando: “Tanti amministratori locali, cittadini con esperienza politica e molti giovani attivi e protagonisti del cambiamento del Partito Democratico. Questi i tratti dei candidati delle liste liguri a sostegno di Andrea Orlando. Cinque collegi elettorali, ventisei candidati, con l’obiettivo di valorizzare giovani dirigenti del Partito Democratico, amministratori, premiare le competenze e costruire un partito plurale sui territori”.

“Abbiamo lavorato per far emergere nelle liste a sostegno di Andrea Orlando le caratteristiche del partito che vogliamo: una nuova generazione che lavora sul territorio, tanti amministratori, tanti giovani e persone che mettono la propria esperienza a servizio di una sfida collettiva e plurale. Sono candidati 5 sindaci, amministratori locali, una nuova generazione che si fa avanti sul territorio e nel partito. Energie vive per tutto il centrosinistra”.

“La proposta di Andrea Orlando intende anche dare un segnale: abbiamo tante energie e competenze nel nostro partito spesso troppo poco valorizzate. La sfida è quella delle primarie del 30 aprile, aperta a tutti gli elettori. Dobbiamo aiutare il PD a tornare in sintonia con il popolo del centrosinistra, con chi chiede un Partito Democratico diverso, aperto, che non escluda nessuno, rimettendo al centro il tema del ricucire le distanze e ridurre le disuguaglianze”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.