IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Pasqua, pranzo in casa per la maggioranza di liguri e savonesi: agriturismi preferiti ai ristoranti

Più informazioni su

Liguria. L’83 per cento degli italiani ha deciso di consumare a casa propria o di parenti e amici il tradizionale pranzo per il quale e’ stimata una spesa media di 55 euro a famiglia tra Pasqua e Pasquetta. E’ quanto emerge dall’analisi Coldiretti/Ixe’ “La Pasqua 2017 degli italiani”.

Se la stragrande maggioranza degli italiani sara’ nelle case, in 3,7 milioni hanno scelto di andare al ristorante per il pranzo di Pasqua ma in 350 mila hanno invece scelto gli agriturismi dove – sottolinea la Coldiretti – la capacita’ di mantenere inalterate le tradizioni alimentari nel tempo con menu di Pasqua locali a base prodotti di stagione a chilometri zero e biologici e’ la qualità più apprezzata dagli ospiti.

Sul territorio – continua la Coldiretti – si riscoprono i piatti tipici regionali che da nord a sud attraversano l’intero Paese. Insieme alle uova vere e di cioccolato, l’alimento più rappresentativo della tradizione pasquale resta la carne d’agnello che viene servita quest’anno in più di una tavola su due (52 per cento) nelle case, nei ristoranti e negli agriturismi. Secondo quanto emerge dall’analisi Coldiretti-Ixe’ dalla quale si evidenzia che ben 1/3 degli italiani (34%) ha scelto carne d’agnello italiana e il 12% addirittura comperata direttamente dal produttore mentre solo il restante 6% non e’ interessato alla provenienza.

Una scelta importante per consentire la sopravvivenza di un mestiere antico ricco di tradizione che consente la salvaguardia di razze in via di estinzione a vantaggio della biodiversita’ del territorio. Ma quest’anno portare la carne di agnello a tavola significa anche – sostiene la Coldiretti – salvare il lavoro dei circa 4 mila pastori terremotati che non hanno ancora abbandonato le aree colpite dal sisma di Lazio, Marche, Abruzzo e Umbria dove secondo la Coldiretti, solo nei 131 comuni del cratere, sono allevate 213 mila pecore e capre #SalvaUnPastore.

I dolci della Pasqua – continua la Coldiretti – sono caratterizzati da sapori forti che hanno le uova tra gli ingredienti principali come la scarcedda lucana che e’ un dolce ripieno di uova sode o la torta pasqualina della Liguria che e’ un rustico ripieno di verdura, uova e parmigiano.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.