IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Le associazioni di IVG.it - ARCI Savona

Informazione Pubblicitaria

Oggi al NuovoFilmstudio di Savona: Agnus Dei

Più informazioni su

Agnus Dei

•Mercoledì 26 Aprile 15:30
•Mercoledì 26 Aprile 21:15

di Anne Fontaine, con Lou de Laâge, Agata Buzek, Agata Kulesza, Vincent Macaigne – Francia/Polonia 2016, 115′

mer 26 (15.30 – 21.15)

Polonia, 1945. Mathilde, un giovane medico francese della Croce Rossa, è in missione per assistere i sopravvissuti della Seconda Guerra Mondiale. Quando una suora arriva da lei in cerca di aiuto, Mathilde decide di seguirla in un convento, dove alcune sorelle incinte, vittime della barbarie dei soldati sovietici, vengono tenute nascoste. Nell’incapacità di conciliare fede e gravidanza le suore si rivolgono all’atea e razionalista Mathilde, che diventa la loro unica speranza…

“Agnus Dei”, pellicola diretta dalla regista franco-lussemburghese Anne Fontaine, riporta alla luce la vera storia della sorte destinata a un gruppo di suore nella Polonia del 1945. Fontaine si è ispirata alla vera storia di Madeleine Pauliac, “angelo” del soccorso, ricostruendo l’intervento dolce e determinato del medico ufficiale delle Forze interne francesi, nominata primario all’ospedale francese di Varsavia e in forza alla Croce Rossa. Se l’argomento era dei più difficili, la regista lo affronta con una misura esemplare, ricavandone un magnifico film a porte chiuse, quasi interamente isolato nel monastero, immerso nelle nevi dell’inverno polacco. Opera fatta di sfumature e mezzitoni, “Agnus Dei” è straordinariamente raffinato anche sul piano della rappresentazione, dove ogni inquadratura, che sia diurna oppure al lume di lampade, è meditata e composta come un dipinto. E tuttavia le scene non sono affatto statiche, ma dinamiche e naturali. Mai ammiccante o buonista, la regista trasforma in tersa narrazione filmica i fumosi dilemmi teorici su fede religiosa e morale laica. “Agnus Dei” è un film intenso e vigoroso, un dramma intimo che tuttavia, grazie allo stile vibrante e le magnifiche interpreti, non si rifugia nella nicchia d’arte e d’essai e merita il contatto con un pubblico vasto ed eterogeneo.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.