IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Da Milano a Sanremo di corsa: al via la sfida (quasi) impossibile

Sabato 29 aprile un centinaio di atleti si metteranno alla prova nella gara podistica più lunga d’Europa

Savona. Sembra impossibile, eppure in 23 su 47 partenti l’anno scorso ci sono riusciti e quest’anno ci riprovano in un centinaio: si tratta dei partecipanti alla gara podistica su strada più lunga d’Europa, la Ultra Maratona Milano-Sanremo. Ben 285 chilometri non stop attraverso la pianura e l’appennino ligure da coprire in massimo 48 ore.

Chiamarli atleti sembra riduttivo, sarebbe meglio “super uomini” e “super donne”, ma se si va a vedere meglio chi sono gli iscritti dell’Ultra si scopre che ci sono certo atleti, è il caso di Joao Oliveira vincitore nel 2015 e nel 2016, ma anche professionisti, manager, semplici appassionati. Tra questi Michele Graglia, ad esempio, che prima di mangiare chilometri di asfalto lungo le strade delle passate edizioni della Ultra e di altre gare podistiche in tutto il mondo calpestava da modello le passerelle della moda. O Lauren Hadley, la donna che alla Milano-Sanremo dello scorso anno ha emozionato tutti perché, nonostante fosse terminato il tempo a disposizione per concludere la gara, non ha mollato e ha portato a termine la sfida con se stessa raggiungendo il traguardo dopo 54 ore.

Il percorso della Ultra Maratona Milano-Sanremo può essere coperto in due modalità: single stage, vale a dire in solitaria, ogni atleta percorre per intero i 285 chilometri, oppure in relay mode, staffetta, con passaggio del testimone tra 5 partecipanti in corrispondenza dei “cancelli” lungo il percorso di gara. In entrambe le versioni il tempo massimo per concludere la prova con la piena assistenza dell’organizzazione è di 48 ore. I partecipanti dovranno arrivare a Sanremo entro le ore 10 di lunedì 1 maggio 2017. Tra atleti che copriranno il percorso in solitaria e in staffetta quest’anno si contano circa 100 partecipanti provenienti dall’Italia e da altre 11 nazioni.

La partenza della gara sarà data sabato 29 aprile da Milano città; appuntamento alle ore 10 alla darsena di Porta Ticinese, alla presenza del sindaco Giuseppe Sala. Il percorso poi attraverserà la pianura padana, tre Regioni italiane e 54 Comuni, correndo tra risaie, innumerevoli centri storici, tra cui Pavia e Tortona, dove inizierà a risalire l’appennino ad Ovada e Masone, scollinando il Passo del Turchino e sbucando infine lungo la costa all’altezza di Voltri e da lì lungo la riviera fino a destinazione.

Dalla partenza il primo “cancello”, una sorta di check point podistico, è collocato a Casteggio, 53 chilometri dal centro città; gli atleti dovranno raggiungerlo entro 7 ore dalla partenza; il secondo cancello è a Ovada altri 70 chilometri che iniziano a inerpicarsi lungo un tratto da coprire in un tempo massimo che già sembra proibitivo, 17 ore. Da quel punto alla fatica di avere alle spalle più di 100 chilometri inizia anche la salita fino ai 600 metri di altitudine per altri 44 chilometri per spuntare a rivedere il mare a Genova Voltri. Dalla città ligure per raggiungere la metà mancheranno un cancello a Loano ed un tragitto di altri 120 chilometri.

L’edizione 2017 dell’Ultra Milano-Sanremo è stata presentata martedì 18 aprile. In tale occasione è stata consegnata la medaglia appositamente realizzata dopo un contest creativo da Alberto Iob, graphic designer, illustrator ed art director milanese. La piccola opera d’arte rimarrà esposta nel Tempio del Design fino a quando verrà consegnata agli intrepidi atleti che avranno portato a compimento l’impresa quasi impossibile.

Ultra Milano-Sanremo è un’iniziativa di Impossible Target, associazione sportiva dilettantistica, ha il patrocinio del Comune di Milano e della Triennale di Milano. Sponsor e partner di comunicazione l’agenzia pubblicitaria JWT Italia. Il legame con La Triennale è particolarmente profondo. Questa edizione della Ultra Milano-Sanremo infatti è dedicata alla memoria di Claudio de Albertis, presidente della Triennale, recentemente scomparso.

Nella foto: il finalese Pablo Barnes, che sarà tra i partenti.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.