IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

“Italia’s Got Talent”, Mirko Darar e la sua autoironia conquistano la finale del programma foto

Il comico cellese ha presentato un nuovo monologo dedicato alla sua omosessualità, Frank Matano entusiasta: "Sei un gigante"

Celle Ligure. I posti per partecipare alla finale del talent-show “Italia’s Got Talent” sono pochissimi, dieci in tutto, ma il savonese Mirko Darar è riuscito a strapparne uno. Darar, originario di Celle Ligure, ma di recente trasferitosi a Stella, si è esibito ancora una volta con un nuovo monologo sulla sua omosessualità: una performance che è stata molto apprezzata dai giudici della trasmissione in onda su Tv8.

Mirko, che tra l’altro si è esibito indossando con grande scioltezza delle scarpe coi tacchi, ha parlato della vita di coppia e, con grande autoironia, ha dimostrato che non ci sono differenze tra coppie etero o gay: le frasi ricorrenti e i battibecchi sono sempre gli stessi. Al termine della sua esibizione Frank Matano si è complimentato: “Sei un gigante, uno dei concorrenti che preferisco”. Parole di stima sono arrivate anche da Nina Zilli e dalla presentatrice Lodovica Comello. Alla fine Mirko ha così strappato il pass per la finale.

Nella prima puntata Darar aveva presentato un esilarante racconto del suo coming out coi genitori e con il resto della famiglia. Nel suo racconto, divertente e pungente allo stesso tempo, erano finite tutte le difficoltà date dal fatto di comunicare una notizia di questo genere ad un padre “egiziano purosangue” (che nonostante sia in Italia da vent’anni pare avere qualche difficoltà a comprendere il termine “omosessuale”) e ad una madre siciliana doc dalla quale è lecito aspettarsi “reazioni esagerate nel sapere che l’unico figio maschio su quattro è gay”.

In ultimo c’era la nonna, talmente siciliana da essere “della provincia di Tunisi” e con un atteggiamento “da padrino”. La notizia delle inclinazioni sessuali del nipote non la sorprende particolarmente: lei, infatti, già lo sapeva perché “da piccolo eri diversi da tutti gli altri maschi: eri meno stronzo”.

Un racconto di vita famigliare che pur riguardando un momento difficile come il coming out era risultato divertente e ironico, ma anche affettuoso e dolce. Un monologo che aveva conquistato il pubblico, che gli aveva dedicato un lungo applauso, ma soprattutto i quattro i giudici, a cominciare dai due comici Luciana Littizzetto e Claudio Bisio. Un successo che si è ripetuto anche con questo secondo monologo grazie al quale Mirko Darar ha conquistato la finale.

Qui l’esibizione di Mirko.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.