IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Clochard si scagliano contro gli agenti dopo una lite a Santa Rita: patteggiano e tornano liberi foto

Uno degli arrestati era accusato anche di danneggiamento per aver strappato la divisa di un agente

Più informazioni su

Savona. Sono stati processati per direttissima questa mattina Roberto Bertone, 35 anni, Emanuele Musu, 51, e Marco Panei, 42, i tre clochard di nazionalità italiana arrestati sabato pomeriggio con le accuse di resistenza e lesioni a pubblico ufficiale dopo una furiosa lite in via Carducci, nella zona di Santa Rita.

Tutti e tre hanno patteggiato, ma pene leggermente diverse: Bertone, difeso dall’avvocato Paolo Brin, un anno di reclusione (a lui erano contestate anche le accuse di danneggiamento per aver strappato la divisa ad un poliziotto, e porto abusivo di coltello) senza sospensione condizionale della pena; Musu, avvocato Flavio Astiggiano, dieci mesi senza sospensione; infine per Panei, assistito dall’avvocato Pier Paolo Pera, otto mesi di reclusione con la sospensione condizionale.

Tutti e tre gli imputati al termine del processo sono tornati in libertà con la misura dell’obbligo di presentazione quotidiano in questura. Tra l’altro Bertone questa mattina ha patteggiato anche due mesi e 20 giorni di arresto e 600 euro di ammenda davanti allo stesso giudice anche in un altro processo nel quale doveva rispondere del porto abusivo di un coltello (uno di quelli multiuso) che gli era stato contestato dopo un controllo delle forze dell’ordine avvenuto nel luglio del 2016 a Noli.

Per quanto riguarda invece l’arresto di sabato, i tre sono stati arrestati dopo essersi resi protagonisti di una furiosa lite in mezzo alla strada. All’arrivo degli agenti, anziché calmarsi, secondo l’accusa, Bertone aveva opposto resistenza cercando di sottrarsi all’identificazione, ma anche insultanto i poliziotti, sputando e strappando la divisa ad uno di loro. A quel punto gli altri due clochard erano intervenuti per aiutarlo e per tutti erano scattate le manette per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale in concorso (due agenti erano dovuti ricorrere alle cure del pronto soccorso).

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Maurizio21021962

    Andiamo avanti cosi, mi raccomando ehhhh!! Ma che cazzo aspettiamo a mettere un po di ordine dove non c’è?? Io mi domando, ma in Italia, comandano i clochard, i rom, gli stranieri, gli extracomunitari, i balordi, i drogati, gli alcolizzati, ecc, o comanda chi deve comandare??? Basta che arrivi il solito pezzo di merda, ed è gia tutto detto?? Quand’è che ci mettiamo dentro i pantaloni i coglioni, e cominciamo a fare ciò che dobbiamo fare?? Come mai, tre pezzi di merda di clochard, hanno la piu su degli agenti della polizia?? Provate a mettere le mani addosso ad un poliziotto in Stati Uniti, e poi vedi cosa ti succede. Solo in Italia si permettono di fare ste cazzate.Quando ci sara un po piu di rispetto per chi porta una divisa e dovrebbe far compiere le leggi? L’Italia,se ne sta andando a fare in culo, e nessuno fa niente.Complimenti al maledetto governo di turno, che se ne frega di noi.Fra 50, il nostro bel paese, sara in mano a tutta sta rumenta.Ed io, sono fuori dal mio, paese, per colpa loro.Bravi.