IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Ceriale, Giordano: “Il Comune spende oltre 10 mila euro in pannelli artistici per i parchi: inaccettabile”

Sono quelli acquistati nell'ambito del progetto "Una favola di parco"

Ceriale. “Una sperpero di denaro veramente offensivo. Mi rivolgerò alla Corte dei Conti”. Così il consigliere di minoranza della lista “Voi” di Ceriale, Luigi Giordano, definisce alcuni recenti acquisti in ambito di arredo urbano programmati dall’amministrazione comunale del sindaco Ennio Fazio.

“Il settore competente – spiega il capogruppo – ha stabilito di acquistare cinque pannelli artistici da posizionare all’ingresso dei parchi gioco della città. Questi pannelli sono stati realizzati nell’ambito del progetto ‘Una favola di parco’ e raffigurano soggetti scelti dagli alunni delle scuole. Ogni pannello costa 600 mila euro più Iva. Ma non solo. Ogni pannello avrà un proprio telaio. In questo caso la spesa è di quasi 9 mila euro”.

Una cifra che secondo Giordano è fin troppo esagerata: “Innanzitutto, meglio sarebbe stato far realizzare i pannelli direttamente agli alunni delle scuole anziché chiedere ad un artista di dipingere i soggetti scelti dai bambini. In questo modo, il progetto avrebbe assunto un valore pedagogico ancora maggiore. E soprattutto avrebbe consentito di risparmiare una cifra notevole”.

“A questo punto – aggiunge provocatoriamente Giordano – suggerisco agli alunni di non impegnarsi in prima persona nella recita scolastica di fine anno ma di far salire sul palco qualche famoso attore appositamente ingaggiato”.

Secondo il consigliere di minoranza, i fondi stanziati per il progetto potevano essere impiegati diversamente: “Abbiamo concittadini che versano in gravi difficoltà economiche e hanno bisogno di aiuto. Non abbiamo fatto partire molti progetti didattici delle scuole per scarsità di denaro. Affiggiamo i manifesti funebri alle pareti degli edifici perché non ci sono plance sui quali attaccarli. Abbiamo inaugurato la nuova passeggiata a mare senza che nemmeno fosse stata tracciata la segnaletica orizzontale (cosa che ha ‘autorizzato’ molti a parcheggiare sui posteggi per disabili). Abbiamo respinto la proposta dell’associazione ‘Ok Ceriale’ che ci aveva proposto un gemellaggio con la città di Cetare (che avrebbe portato benefici sotto molti punti di vista) per scarsità di fondi. E poi spendiamo denaro in questo modo. Mi rivolgerò alla corte dei conti. La procedura non è illegale, certo, ma l’idea che sottende all’acquisto dei materiali è certamente criticabile”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.