IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Ceriale, 22 profughi pronti a ricevere carta d’identità e residenza

I dubbi del sindaco Fazio: "Applichiamo disposizioni a livello nazionale, per progetti di integrazione sono necessarie garanzie"

Ceriale. “Come amministrazione comunale rispondiamo ai dispositivi di legge e a quanto è stato stabilito in sede di Prefettura in merito all’accoglienza dei migranti. La procedura sarà effettuata dall’ufficiale di Stato Civile, tuttavia non posso rimarcare i miei dubbi da sindaco e cittadino sulle modalità e la semplicità delle richieste di asilo, senza verifiche e controlli accurati sui profughi che arrivano nel nostro territorio”.

Lo ha detto il sindaco di Ceriale Ennio Fazio, confermando la notizia che in Comune a Ceriale saranno consegnante le carte di identità a 22 profughi con la certificazione di residenza nella località del ponente savonese. Attualmente i migranti arrivati a Ceriale sono ospitati nelle strutture della Curia vescovile, come avviene in altre realtà territoriali.

Sul rilascio della carta di identità ai profughi perplessità sono state sollevate dalla minoranza consiliare, che ha già chiesto chiarimenti al Comune rispetto al programma di accoglienza e integrazione, anche se ad ora, rispetto ad altri comuni, i migranti non sono ancora stati ancora utilizzati in progetti di pubblica utilità: “Questo è un aspetto che dobbiamo ancora vedere e valutare con gli organismi preposti: prima di un inserimento vero nella nostra comunità attendo garanzie sanitarie e di altro tipo sui migranti ospitati nel nostro territorio”.

“Ovviamente la questione dei profughi, dei loro diritti e dell’accoglienza non credo possa finire nella bagarre politica o di scontro tra maggioranza e minoranza, bisogna seguire la logica e il buon senso, nell’interesse della nostra comunità: certamente come amministrazione comunale, per le nostre competenze, opereremo per controllare e vigilare la presenza dei migranti e affrontare l’emergenza senza creare problemi alla cittadina cerialese” conclude Fazio.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Enrico Guidotti

    Ma non dovevano essere 8 per un comune di 10000 abitanti?