IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Borghetto, le addette alla mensa scolastica sospendono lo sciopero: stipendi in arrivo

La Jd Service ha annunciato che verserà una delle due mensilità mancanti: "Se domani non vedremo i soldi, giovedì ci fermeremo", dicono le dipendenti

Borghetto Santo Spirito. Una tregua armata. E’ quella che nelle ultime ore si è venuta a creare tra la Jd Service e le otto lavoratrici del servizio della mensa scolastica di Borghetto, che da febbraio non ricevono lo stipendio dal loro datore di lavoro.

Dopo lo sciopero di stamattina, l’azienda con sede a Genova e che dal 2012 gestisce il servizio in appalto dal Comune ha versato alle addette una delle due mensilità arretrate. Inoltre, i responsabili hanno annunciato la loro prossima “venuta” a Borghetto in occasione di un incontro al quale prenderanno parte le stesse dipendenti e il commissario prefettizio Fabrizia Triolo.

Alla luce di questa situazione, le addette alla mensa hanno annunciato che per domani il servizio sarà garantito come di consueto. Ma la guardia resta alta: “Questo pomeriggio – spiegano – la ditta ci ha inviato i Cro [i codici che vengono assegnati ai bonifici bancari e che rappresentano una sorta di ricevuta dell’avvenuto trasferimento di denaro, n.d.R.] relativi al pagamento di uno dei due stipendi che ancora ci deve. Per questo torneremo al lavoro e prepareremo i pasti come di consueto. Ma se domani non avremo ricevuto i soldi che ci spettano, giovedì incroceremo di nuovo le braccia”.

A conferma dell’avvenuto “sblocco” della situazione una comunicazione apparsa giusto questo pomeriggio sul sito ufficiale del Comune di Borghetto: “Si comunica che la ditta affidataria del servizio di refezione scolastica Jd Service Italia srl ha comunicato la ripresa del consueto servizio di refezione scolastica e pasti caldi a domicilio da domani, mercoledì 5 aprile”.

Una vera e propria tregua, ancorché armata e a scadenza qualora una delle due parti non dovesse rispettare gli accordi.

Per domani, quindi, gli alunni delle scuole e torneranno a gustare i pasti preparati dalle addette anziché i “cestini” a base di panini al prosciutto e al formaggio preparati dai loro sostituti provenienti da Genova. Un sospiro di sollievo anche per i genitori che, pur condividendo la protesta delle dipendenti, hanno manifestato qualche perplessità qualora lo sciopero ad oltranza annunciato questa mattina fosse andato avanti più di un paio di giorni.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.