IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Borghetto 2017, le richieste di Assoutenti ai candidati sindaci: “Seguire lo Statuto comunale”

Borghetto Santo Spirito. Preoccupazione da parte di Assoutenti Savona sulla situazione politica di Borghetto Santo Spirito in vista delle prossime elezioni comunali, riflessioni che arrivano in vista di un voto non semplice per i cittadini, dopo il commissariamento del Comune e l’inchiesta su Andrea Santonastaso.

“Contrariamente all’opinione espressa dai cittadini, che propende verso la ricerca di una unitarietà di programmi e d’azione delle varie componenti politiche, si prospettano scontri e divergenze inconciliabili, con un futuro molto incerto per un efficace buon governo del Paese. Pur riconoscendo tutti la difficoltà del momento e la necessità di uno sforzo unitario, stanno prevalendo logiche di partito e personalismi assolutamente anacronistici rispetto a quanto il buon senso e l’onestà intellettuale consiglierebbero” dice Assoutenti.

“Nonostante tutto almeno un punto di convergenza esiste e sul quale nessuno può dissentire: la condivisione di quanto previsto dallo Statuto Comunale che contiene le linee guida alle quali attenersi. Pochi lo conoscono, spesso considerato dalle Amministrazioni Comunali che si sono succedute come una mera formalità burocratica, resta disatteso o ignorato nella sua oggettiva validità in fase di programmazione di qualsiasi azione politica/amministrativa”.

“I punti cardinali dello Statuto Comunale convergono nella sostanza con le nostre convinzioni ed indirizzo di comportamento: Accoglienza, intesa come rapporto aperto a tutti i cittadini a prescindere dalla propria condizione culturale, sociale, economica, politica, religiosa; Ascolto, come rapporto di dialogo per il confronto delle idee e delle istanze di ambo le parti; Assistenza, intesa come vicinanza ai cittadini nella ricerca di soluzioni ai problemi di interesse generale limitando al minimo la burocrazia; Autotutela, intesa come partecipazione diretta, o in forma rappresentativa, riguardo l’economicità e la qualità dei servizi pubblici”.

E ancora: “Dai sondaggi di opinione sono emerse anche le priorità per quali la nuova amministrazione dovrà intervenire: Economia: rilancio dell’offerta qualificata delle seconde case ad uso turistico, riscoperta ed incentivi per le attività agricole e artigianali; Ambiente: salvaguardia dell’ambiente in tutte le sue componenti sia pubbliche che private; Partecipazione popolare: tramite l’attivazione rappresentativa dei sei Borghi cittadini, la nascita di una “Consulta delle attività economiche”, la piena attuazione del “Protocollo d’intesa con le Associazioni dei Consumatori” riguardo la qualità ed economicità dei servizi pubblici, la partecipazione e consultazione di tali organismi nelle varie commissioni consiliari ed infine l’istituzione delle commissioni di conciliazione previste dalle norme vigenti; Riorganizzazione del sistema amministrativo secondo criteri adeguati alle necessità di un programma di emergenza e secondo priorità da individuare.

Assoutenti è aperta al dialogo con tutti, salvaguardando la propria indipendenza e la propria libertà di opinione senza scendere nell’agone politico, continuando nell’azione che gli compete nella tutela dei cittadini in quanto consumatori, utenti di servizi e contribuenti per le casse comunali” conclude l’associazione.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.