IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Baseball: sono iniziati i campionati per gli Albisole Cubs

In campo Under 12, Under 15, Under 18 ed una prima squadra con il nome di Riviera Mariners

Albissola Marina. Finite tutte le attività invernali e promozionali per gli Albisole Cubs è giunto finalmente il tempo di scendere in campo per dare inizio alla stagione ufficiale 2017 del baseball italiano.

La mancanza da tre lunghi anni di un campo dove allenarsi decorosamente e, soprattutto, dove giocare le partite casalinghe (a causa della demolizione del campo “Cameli” trasformato prima in deposito e discarica per materiali edili ed ora in parcheggio stagionale nell’attesa che partano i lavori per la realizzazione di un nuovo tratto di strada, area camper e cantiere per l’azienda che raccoglie i rifiuti urbani) non ha certamente minato l’entusiasmo di giocatori, allenatori e dirigenti che, nel week end scorso, hanno dato l’avvio alla 45ª stagione consecutiva del baseball albisolese.

Quattro le squadre che gli Albisole Cubs hanno presentato ai nastri di partenza dei campionati 2017: Under 12, Under 15, Under 18 ed una prima squadra che sotto il nome di Riviera Mariners giocherà nel campionato della Northwest League.

Un vero e proprio miracolo sportivo quello della società albisolese che, nonostante, le mille difficoltà e l’ostruzionismo di chi dovrebbe aiutare lo sport anziché affossarlo, continua a crescere nei numeri e, per quanto possibile, conquistare anche risultati sportivi di rilievo. Una passione per il baseball che sembra ben ricambiata e radicata ad Albissola Marina e dintorni, con circa 80 atleti che svolgono regolarmente attività, ed il continuo successo di alcune iniziative come quella del “Batti, Lancia & Corri” dedicata ai bimbi e bimbe in età prescolare.

Svolgiamo questa attività a livello di assoluto volontariato, con passione e dedizione – racconta Flavio Pomogranato, allenatore dei Cubs –. Poniamo da sempre i ragazzi al centro dell’attenzione e della didattica non solo sportiva ma anche di crescita umana. Prima degli atleti ci piace pensare che formiamo gli uomini del futuro e preferiamo vantarci del numero di giocatori che si sono laureati all’università piuttosto che di quelli (e non sono pochi!), che abbiamo mandato a giocare in squadre, anche importanti, di mezzo nord Italia. Una filosofia più forte delle avversità che ci consente di andare avanti anche senza una struttura di allenamento degna di questo nome. Non abbiamo i bagni, gli spogliatoi, l’acqua; solo la nostra passione ed un bel prato verde all’interno della Villa Faraggiana, ma fortunatamente ci sono genitori che, visti i risultati, credono nel nostro lavoro ed affidano i loro figli alla squadra di baseball. Una grandissima soddisfazione per noi istruttori che, visti i numeri, riusciamo a completare un’offerta sportivo-formativa per bambini e ragazzi nati tra il 1999 ed il 2013 che possono giocare in tutta sicurezza suddivisi nelle fasce Under 18, Under 15, Under 12, Under 9 ed ora anche Under 6“.

Un bilancio in positivo sottolineato anche dai dirigenti. “Nonostante tutto Albissola Marina rimane una delle baseball city di tutto il Nord-Ovest: mettere in campo quattro squadre, far giocare ottanta atleti partecipando a campionati regionali ed interregionali senza avere un campo non è una cosa facile – racconta Luca Battaglieri, vicepresidente dei Cubs e deus ex machina del baseball/softball finalese –. Le nostre squadre in questo 2017 saranno impegnate in qualcosa come sessanta partite ufficiali che dovremmo per forza giocare tutte in trasferta o, nella migliore delle ipotesi, utilizzando quando possibile il campo ‘Viola’ di Finale Ligure, recentemente destinato al baseball/softball finalese ed omologato almeno per le categorie giovanili. Con i disagi logistici ed economici che tutti possono immaginare. Una mortificazione che, sinceramente, il baseball albisolese non merita…”.

Intanto, nella speranza che in un futuro prossimo le cose possano cambiare, la gioia e l’allegria dello sport prendono il sopravvento. Anche quest’anno l’inverno è finito e, quando il baseball torna in campo, significa solo una cosa: è arrivata un’altra lunga, bellissima estate.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.