IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Albissola, è qui la festa risultati fotogallery

La squadra di mister Monteforte promossa in Serie D. Le reti di Cargiolli e Romei piegano la Voltrese

Genova Voltri. L’Albissola entra nella storia, centrando – al primo tentativo – la promozione in Serie D.

Albissola

E’ il successo di un progetto societario, voluto dal presidente Mirco Saviozzi, dal d.s. Aldo Lupi, dal main sponsor (MBF Alluminium), dal mister Monteforte ed il suo staff (Carlo Sarpero, Pierluigi Ghiraldelli, Manuel Gerundo, Emanuele Cola ed Enrico Ghiso), oltre che da una formidabile rosa di giocatori, che hanno dominato il torneo, sin dalle prime battute di gioco.

La partita. L’Albissola si schiera con Gianrossi, Candolini, Di Leo, Cavallone, Boveri, Giambarresi, Bennati, Caltabiano, Romei, Sancinito, Cargiolli. A disposizione ci sono Vallarino, De Matteis, Doffo, Piacentini, Piana, Galli, Asllanaj.

I padroni di casa giocano con Ragusi, Severi, Limonta, Termini, Della Vecchia, Calautti, Angius, Ferrari, Siligato, Boggiano, Bennou. In panchina Bagon, Iacopino, Noureddine, Martis, Orlando, Siri, Samb Gainde.

Al “San Carlo” di Voltri soffia un forte vento trasversale, che nel primo tempo è favorevole ai gialloblù. Nel 1° minuto di gioco viene ammonito Angius per gioco scorretto. Un paio di minuti dopo stessa sorte per Della Vecchia.

All’8° Romei si invola in contropiede e viene fermato fallosamente. Punizione dal limite, il tiro di Sancinito sfiora il palo. I locali si fanno avanti con un tiro di Angius, la difesa albissolese libera.

Al 13° i biancoazzurri vanno vicini al vantaggio: corner di Cargiolli, testa di Romei e miracolo di Ragusi. Al 20° Albissola ancora pericolosa con un’altra punizione di Sancinito che impegna Ragusi.

Al 35° Voltrese per la prima volta pericolosa: fendente dalla distanza di Siligato, alto di poco. Poco dopo lo stesso numero 9 ci prova ancora, ma la presa di Gianrossi è agevole.

Al 40° Sancinito scalda le mani a Ragusi. Poco più tardi viene ammonito Boveri. Al 44° retropassaggio della Voltrese, ripartenza albissolese con Romei, Ragusi esce dall’area per sventare.

La ripresa comincia senza cambi. Al 50° viene ammonito Termini.

Al 51° l’Albissola sblocca il risultato: imbucata di Sancinito per Cargiolli che non perdona.

Il direttore di gara estrae altri due cartellini gialli, all’indirizzo di Sancinito e Siligato. Al 21° Samb Gainde entra per Bennou.

Al 65° si accende una mischia: battibecco, colpi proibiti, proteste. Ne fanno le spese Boggiano e Bennati: entrambi vengono espulsi.

Al 69° gli albissolesi sfiorano il raddoppio su calcio d’angolo: un colpo di testa di Cargiolli centra la traversa. Gli ospiti insistono, nel tentativo di chiudere la partita: al 70° testa di Cargiolli per Romei che al volo sfiora il raddoppio.

All’83° esce Sancinito, oggi il migliore in campo, ed entra Piana. Tra i locali dentro Noureddine per Ferrari.

All’87° va al tiro Romei: il portiere di casa para a terra. All’89° il raddoppio. Contropiede di Cargiolli, palla in mezzo per Piana, Ragusi lo stende. Si incarica del tiro Romei: il suo tiro è respinto ma lo stesso numero 9 realizza sulla ribattuta.

Dopo il gol Romei esce per Piacentini; l’ultimo cambio è Galli per Caltabiano.

La partita finisce così: 0 a 2. L’Albissola è in festa: per la prima volta nella sua storia è nella quarta serie del calcio italiano.

Al triplice fischio tutta la panchina esulta e corre in campo; i giocatori indossano una maglietta celebrativa con la scritta “Ci D #spiace”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.