IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Profughi a Finale, il M5S torna all’attacco: “Il Comune non ci ha risposto su gestione e soldi spesi” fotogallery video

Più informazioni su

Finale L. “Ci rammarica il fatto di dover leggere sugli organi di stampa le parole del vice sindaco Brichetto che, oltre al fatto di non voler rispondere ad una nostra semplice domanda, antepone false affermazioni tipo l’aver “cavillato in modo pretestuoso e scorretto relativamente alla gestione dello SPRAR e delle sue attrezzature…” oppure buttarla sulla trasparenza, parlando di attacco al progetto S.P.R.A.R. da parte del MoVimento 5 Stelle quando questo non c’è mai stato”. Così il Movimento 5 Stelle torna sulla querelle del centro di accoglienza per i profughi dopo i chiarimenti arrivati dall’amministrazione comunale nel corso della conferenza stampa a “Casa Mandela”.

“Rileviamo, in tutta questa storia un fatto alquanto divertente, se non paradossale, mentre altre forze politiche dell’opposizione propongono addirittura una “Commissione di controllo” ed il vice sindaco si trova subito disponibile, diversamente, ad una nostra semplice domanda, lecita, non ci risponde e veniamo definiti fascisti e leghisti”.

“Il sindaco e il vice sindaco la finiscano dunque di buttare fumo negli occhi ai cittadini finalesi e sviare l’argomento, ma rispondano alla nostra domanda: perché abbiamo provveduto all’acquisto di arredi, attrezzature, biancheria e stoviglie usate dall’Istituto Figlie di N.S. Della Misericordia, su loro proposta, per complessivi € 4.500,00 oltre iva 22%, per un totale di € 5.490,00, quando già affittiamo alla somma di 51.000,00 € per 17 mesi la struttura (pari a 3.000 € al mese) dichiarata idonea ad ospitare il progetto S.P.R.A.R.?” (dati: Determinazione n.1024 del 30/12/2016)” sottolinea ancora il M5S finalese.

“Alla conferenza stampa non abbiamo potuto fare a meno di notare anche la presenza del Sindaco di Orco Feglino, che ha dichiarato: “…Il nostro comune è partner istituzionale e condivide pienamente i principi dell’amministrazione di Finale….” ed allora vorremmo capire quali sono questi principi che condivide, dato che in un primo momento il Comune di Orco Feglino aveva aderito al progetto S.P.R.A.R. in partenariato con la Fondazione l’Ancora di Varazze, mentre successivamente, purtroppo, dobbiamo registrare “una mancata prosecuzione” dello stesso Comune nell’impegno per la dislocazione di una sede per l’attivazione decentrata, di detto progetto, nel suo territorio, così come di evince dalla Deliberazione di Giunta Comunale n.237 del 17/12/2015 e Determinazione n.574 del 9/8/’16…”.

Per il M5S: “Una condivisione di principi un po “a metà” o solo a parole! Con buona pace del principio di reciprocità e solidarietà su cui si fonderebbe l’Unione dei Comuni del Finalese visto che comunque nelle disponibilità del Comune di Orco Feglino è il palazzo delle ex scuole elementari”.

“In attesa di risposte dall’amministrazione, senza polemica alcuna, informiamo di aver ricevuto un’offerta ad un incontro, da parte della Cooperativa Arcimedia, nella persona di Roberto De Cia. Un incontro chiarificatore, che speriamo metta fine, una volta per tutte, a questa polemica voluta sia dalla parte politica che regge l’Amministrazione sia dalla stessa e che si chiarisca, se ce ne fosse ancora di bisogno, la nostra non contrarietà verso il progetto S.P.R.A.R. o verso a chi crede e lavora in questo progetto” conclude il M5S di Finale Ligure.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.