IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

I Baxin, biscotti nati per sbaglio per fare più dolce Albenga

"Liguria del gusto e quant'altro" è la rubrica gastronomica di IVG, ogni lunedì e venerdì

Più informazioni su

“Liguria del gusto e quant’altro” è il titolo di questa nuova rubrica curata da noi, Elisa (alla scrittura) e Stefano (alle ricerche), per raccontare i gusti, i sapori, le ricette e i protagonisti della storia enogastronomica della Liguria. Una rubrica come ce ne sono tante, si potrà obiettare. Vero, ma diversa perché cercheremo di proporre non solo personaggi, locali e ricette di moda ma anche le particolarità, le curiosità, quello che, insomma, nutre non solo il corpo ma anche la mente con frammenti di passato, di cultura materiale, di sapori che si tramandano da generazioni. Pillole di gusto per palati ligustici.

elisa stefano pezzini

Ad Albenga il loro nome è diventato quasi sinonimo della famiglia che li ha inventati, prodotti e commercializzati: i Baxin. Si tratta dei dolcetti tipici della Città delle Torri (e della Fionda, così i Fieui di carruggi, testimonial dei baxin, non si arrabbiano) che, tante anni fa, le sorelle Bria producevano nello storico negozio di pasticceria in via delle Medaglie d’Oro.

Quando, qualche anno fa, le due anziane sorelle si ritirarono ci fu una vera e propria sollevazione popolare al punto che gli eredi dovettero riaprire laboratorio e negozi. E anche se oggi la sede si è spostata da via Medaglie d’Oro a piazza IV Novembre, la bontà dei biscottini è invariata e i baxin sono diventati un must anche per i turisti che, alla partenza, portano con se un pezzetto di Albenga con un sacchetto di biscotti.

Per diffondere i baxin, intanto, la famiglia Bria (con Paolo in prima fila) ha studiato le varietà colorate e quelli vegani. Nel 2015 i Baxin hanno avuto un grande successo ad Expo Milano dove erano presenti allo stand della Regione Liguria. Dal 2015 i Baxin classici vengono affiancati ai colorati e aromatizzati. Ogni colore indica un gusto diverso: dal rosa fragola al verde pistacchio fino al giallo arancio. I gusti sono tanti e sempre in fase di aggiornamento. Su richiesta è stata creata una ricetta vegana, senza alimenti di origine animale, i baxin alla soia con zucchero, farina integrale, latte di soia.

La produzione risale al 1933 ma la ricetta dei baxin risale addirittura al medioevo. Spiegano i Bria: “I baxin sono i nostri biscotti d’eccellenza e nel corso degli anni hanno avuto recensioni ottime su guide gastronomiche e giornali. Derivano da una ricetta antichissima di frati Benedettini, che è stata tramandata e venduta varie volte fino al 1933. Pare sia nata da un errore di un’altra ricetta, per questo è difficilissima da imitare, e oggi è un marchio depositato. I baxin non contengono burro e uova ma solo limone, zucchero, farina, anice, miele e lievito, latte”.

Liguria del Gusto è la nuova rubrica gastronomica di IVG, con uscite al lunedì e al venerdì: clicca qui per leggere tutti gli articoli

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.