IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Da Albissola a Savona per buttare la spazzatura, la Municipale multa i primi “furbetti”

Stamattina all'alba sei persone sono state colte in flagrante mentre gettavano i loro rifiuti nei cassonetti al confine pur non essendo residenti

Più informazioni su

Savona. Sei multati in due ore. Ecco il bilancio del primissimo controllo messo in atto dalla Polizia Municipale di Savona per cogliere sul fatto i “furbetti della rumenta”, ossia quei cittadini che pur di non fare la raccolta differenziata caricano in auto la spazzatura e vanno a buttarla nella città della Torretta.

Il fenomeno è emerso prepotentemente negli ultimi mesi, come rilevato da Ata che da tempo segnala un sospetto ed improvviso aumento dei rifiuti conferiti al confine con la città. “Colpa” dei residenti dei paesi limitrofi: alcuni di loro, infatti, di fronte ai paletti imposti dalle rispettive amministrazioni comunali in tema di raccolta differenziata, hanno iniziato a gettare abitualmente i loro rifiuti nei più vicini cassonetti di Savona.

Per contrastare questo malcostume nei giorni scorsi è arrivata l’ordinanza che vieta ai non residenti di conferire la spazzatura nel territorio savonese. E questa mattina all’alba è scattato il primo controllo della Municipale: alcuni agenti in borghese hanno raggiunto il confine con Albissola Marina e, da una posizione di rilievo, hanno iniziato a controllare tutte le auto e moto che si fermavano per gettare i rifiuti.

In due ore, dalle 7 alle 9 di questa mattina, sono stati 6 in totale i non residenti “beccati” mentre buttavano  la spazzatura nei cassonetti di Savona o si accingevano a farlo (il provvedimento punisce anche solo il tentativo). Per tutti loro è scattata la sanzione prevista dall’ordinanza, 50 euro di multa.

I controlli proseguiranno nei prossimi giorni anche negli altri confini cittadini, quelli con Vado Ligure, Quiliano e Cadibona.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. sudor
    Scritto da sudor

    Se controllano meglio ne trovano altro che 6……..ne trovano 600!!!! Andate a dare un occhio anche davanti all’ obitorio, in Via Genova, dove i cassonetti sono sempre stracolmi, già al mattino!

  2. Iosif
    Scritto da Iosif

    Siamo arrivati all’incredibile, il crimine dilaga e la polizia locale è impiegata a sanzionare i furbetti della spazzatura.
    Come al solito gli operatori di polizia eseguono degli ordini quindi lo sbaglio parte dall’alto e non certo da chi opera in mezzo alla strada.

  3. Scritto da Flatbubu

    50 euro sono troppo pochi… A Quiliano tempo fa erano ben più salate le multe… Sono questi gli strumenti che mette a disposizione il Comune per la cosiddetta “tolleranza zero”?
    Controllo al confine con Albissola… Se facevano la stessa cosa in corso Ricci all’altezza della rotonda con via Nazionale al Piemonte e a Zinola risolvevano il buco di bilancio in una settimana…

  4. Scritto da briant88

    Al netto di quelli che proprio non ne hanno voglia , ho l’impressione che la raccolta differenziata porta a porta , che trasforma un cittadino in operatore ecologico a pagamento , metta in difficolta il cittadino collaborante più del dovuto , specie se mal organizzata.