IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Albenga, tuffo nel sociale di Confagricoltura con un pranzo “ligure” a Casa Papa Francesco a Sanremo

Il pranzo è stato allestito per festeggiare l'esibizione al Festival dei "Ladri di Carrozzelle", gruppo di ragazzi diversamente abili

Più informazioni su

Albenga. In occasione dell’ultima serata del Festival di Sanremo, sul palco del teatro Ariston si è esibito, in apertura, il complesso rock “Ladri di carrozzelle”, costituito da ragazzi diversamente abili, che grazie all’agenzia di comunicazione Angeli press ed a Cubik TV, riescono a coronare un sogno cantando il brano “Stravedo per la vita”. Testimoni autentici della gioia di vivere e motivati da grande carica caratteriale sono riusciti a trasmettere a tutti gli spettatori una grande emozione che resterà memorabile negli annali della kermesse sonora giunta quest’anno alla sua 67a edizione.

Per festeggiare la loro esibizione “I ladri di carrozzelle” hanno invitato alcuni amici ad un pranzo a base di prodotti tipici liguri presso Casa Papa Francesco a Sanremo. Una struttura di accoglienza gestita dalla Caritas locale, normalmente per immigrati richiedenti asilo e rifugiati, di proprietà della diocesi di Ventimiglia–Sanremo grazie ad un lascito delle Suore Ausiliatrici del Purgatorio.

Il pranzo a base di prodotti liguri, si legge sulla pagina di ieri di Avvenire, è stato gentilmente offerto dalle aziende agricole associate di Confagricoltura albenganese della provincia di Savona, le quali hanno fornito gli ingredienti per cucinare le trofie al pesto, il coniglio alla ligure con olive taggiasche e aromi di Albenga e, per contorno, i carciofi spinosi della Piana di Albenga crudi conditi con olio extra vergine di oliva taggiasca.

“È stata un evento importante – commenta il presidente di Confagricoltura Savona, Luca De Michelis – un’occasione unica che abbiamo immediatamente colto perché forte è lo sguardo rivolto al sociale. Lo testimoniano le aziende agricole liguri che hanno creduto ancor prima che la legge venisse approvata. E poi perché no, per far conoscere i sapori ed i profumi della Liguria e della piana ingauna”.

Michele Introna, direttore di Confagricoltura Savona, ha aggiunto: “Confagricoltura sul territorio nazionale conta già 3000 aziende agricole dedicate al sociale ed ha sempre creduto che si possano aiutare le persone in difficoltà avvicinandole alla natura ed alla terra”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.