IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Ad Albenga visita straordinaria al Museo Navale a cura degli Apprendisti Ciceroni del FAI

Iniziativa nell'ambito della quinta edizione delle Mattinate FAI per le scuole

Albenga. Nell’ambito della quinta edizione delle Mattinate FAI per le scuole, il grande evento nazionale del FAI – Fondo Ambiente Italiano dedicato al mondo della scuola – in corso questa settimana in tutta Italia – sabato 3 dicembre tutti gli studenti e le loro famiglie avranno la straordinaria possibilità di scoprire le bellezze delle loro città con visite guidate a contributo libero degli Apprendisti Ciceroni, studenti appositamente preparati dai volontari FAI e dai loro docenti.

Grazie alle Delegazioni FAI attive su tutto il territorio nazionale, saranno aperti 195 luoghi poco conosciuti e spesso chiusi al pubblico in 115 città d’Italia. Un’occasione straordinaria per passare una giornata insieme ai propri cari all’insegna di arte e natura. Per i bambini, in alcuni luoghi, sono previsti laboratori ludico didattici a cura del Porto dei piccoli ONLUS.

Tra quelli che faranno parte dell’iniziativa c’è anche il Museo Navale di Albenga, dove dalle 9.30 alle 12.30 saranno allestite visite a cura degli Apprendisti Ciceroni dell’IC Mameli-Alighieri – scuola secondaria di I grado. Il Museo Navale di Albenga è ospitato all’ interno del Palazzo Peloso – Cepolla, edificio del primo Seicento. La sezione di archeologia sottomarina è stata realizzata nel 1950 in seguito al ritrovamento, sui fondali dell’Isola Gallinara, di una nave oneraria degli inizi del I secolo a.C. Nel museo sono esposti i resti dello scafo e i materiali recuperati durante le varie campagne di scavo, oltre a molte anfore vinarie. Altri reperti provengono dal relitto di Diano Marina (IM), tra cui spiccano alcuni doliola, grandi contenitori in terracotta. Nel palazzo è ospitata anche la collezione di vasi in ceramica di Albisola dell’antica Farmacia dell’Ospedale, risalenti al XVII secolo.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.