IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Toirano, alle ex cave di Martinetto un polo per lo sport outdoor da 3 milioni di euro

Ma sono tantissimi i progetti messi in cantiere da parte dell'amministrazione Lionetti

Toirano. Un’area per lo sport outdoor unica nel suo genere nel panorama italiano e che porterà tanti benefici al paese e ai suoi abitanti. E’ quella che vedrà la luce tra qualche tempo nell’area delle ex cave di Martinetto a Toirano.

L’amministrazione del sindaco Gianfranca Lionetti ha elaborato, insieme ad un soggetto privato, un project-financing per la trasformazione dello spazio che l’anno scorso e ancora quest’estate ha ospitato la manifestazione di “Gunbi on the Rock”.

“Il progetto – spiega l’assessore ai lavori pubblici Giuseppe De Fezza – prevede che all’interno della cava venga effettuato un riempimento che consentirà poi di realizzare una pista per mountain-bike outdoor, un parco natura e un’area picnic. Il tutto si andrà ad innestare sulla suggestiva rete di sentieri che, partendo proprio dalle ex cave, consentono di esplorare il nostro bellissimo entroterra. Sarà un’area polifunzionale per l’outdoor a 360 gradi, uno poli più grandi d’Italia”.

Il costo dell’operazione è di circa tre milioni di euro. Una volta ultimata, l’area verrà gestita per cinque anni dal privato che l’ha realizzata. I toiranesi residenti potranno usufruire dei suoi servizi gratuitamente ed una parte degli introiti verrà incamerata dalle casse comunali. Una volta scaduti i cinque anni, l’area sarà affidata alle associazioni e alle realtà locali.

Ma le contropartite per il Comune non finiscono qui: il partner privato, infatti, verserà 325 mila euro “cash” (di questi, 80 mila saranno anticipati all’avvio del cantiere) ed effettuerà alcuni interventi sul territorio.

Travolto da camion Pirata

Uno di questi consiste nella realizzazione di cinque varchi elettronici da posizionare nei punti di accesso al paese e quindi ai confini con Balestrino, Boissano, Bardineto, Borghetto e nella zona del centro commerciale di località Canepari. I varchi saranno dotati di una telecamera di contesto (che controllerà la zona con una panoramica più ampia) e di altri due apparecchi che monitoreranno il traffico in entrata ed in uscita. Questa operazione avrà un costo di 50 mila euro.

Altro intervento “di contropartita” sarà la realizzazione di un’isola ecologica in cui i cittadini potranno conferire i loro rifiuti ingombranti in qualsiasi momento e senza dover aspettare il ritiro domiciliare come avviene ora. In ultimo, il privato si impegnerà a realizzare un magazzino a servizio dello scuolabus al costo di 50 mila euro.

Ma l’amministrazione Lionetti non si ferma qui. Questa sera, infatti, il consiglio comunale approverà il Documento Unico di Programmazione, che contiene tutti gli interventi previsti per il prossimo futuro. Che sono molti: “Il 2017 sarà un anno esplosivo – annuncia De Fezza – Nei prossimi mesi, infatti, riusciremo finalmente a realizzare parte di quei progetti ai quali abbiamo lavorato in questi primi due anni di mandato”.

Tra gli altri interventi in programma figura la realizzazione di due parcheggi in località Certosa e nella borgata di Barescione: “In questo modo daremo una risposta concreta alla penuria di posti auto che si registra in queste due zone del nostro paese”. I cantieri saranno finanziati con i fondi ottenuti dall’alienazione di un terreno comunale.

A Carpe verrà realizzata una sala polivalente e due alloggi di social-housing che saranno concessi in affitto a canone agevolato a due famiglie bisognose “ma meritevoli”. L’intervento sarà finanziato in parte dal Comune (con 60 mila euro) e in parte dalla Regione (con 180 mila euro di fondi Erp).

Ancora il prossimo anno partirà la ristrutturazione e la riqualificazione dei campetti di calcio a cinque: “Realizzeremo nuovi spogliatoi utilizzabili anche da diversamente abili (cosa che ci consentirà di ospitare anche manifestazioni paralimpiche) e rifaremo il manto erboso (ora completamente distrutto) e tutto l’impianto di riscaldamento del palazzetto dello sport”. Il costo dell’operazione è di 150 mila euro, ottenuti con un mutuo a tasso agevolato.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.