IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Fabrizio Caligara, il “piccolo Marchisio”

Lo speciale Settore Giovanile del ct Vaniglia

Studia da aspirante Claudio Marchisio, con cui condivide almeno cinque segni particolari: squadra, ruolo, numero, tifo e maglia azzurra. Fabrizio Caligara, 16 anni, quando è stato convocato nell’Italia Under 17 per giocare la fase finale degli Europei in Azerbaijan aveva esclamato: «E’ una vera sorpresa. Non me l’aspettavo – sorrideva il centrocampista di Dormelletto -. Sono alla prima stagione di Allievi nazionali con la Juventus e la conquista di un posto in squadra era già stato un successo».

Perché Caligara era il terzo più giovane della rosa bianconera: solo il difensore Almeida e l’attaccante Kean sono nati dopo di lui, per appena una settimana, tra tutti i calciatori che hanno visto il campo con una certa continuità. La squadra ha poi chiuso la stagione regolare al comando della classifica nel girone che comprendeva anche il Novara (sesto). Potè quindi partecipare alle finali nazionali di giugno a Chianciano, affrontando prima l’impegno continentale. L’Italia ha esordito nel girone eliminatorio contro la Serbia vincendo per 2 a 1, mentre ha sfidato poi Olanda e Spagna.

Il ct Alessandro Dal Canto aveva fissato l’obiettivo: «Andiamo a Baku convinti di poter arrivare fino in fondo. La fase a gruppi è difficile, ma lo è anche per i nostri avversari». Il centrocampista si allena e studia nel villaggio di Vinovo, dove la Juventus ha aperto una scuola internazionale riservata ai ragazzi del suo vivaio. «Tornare a casa ogni giorno sarebbe stato un problema – racconta il giocatore -. Qui lavora anche la prima squadra e a volte ci capita di vederla. Io ammiro soprattutto Marchisio».

Che è bianconero come lui, ma entrò nel settore giovanile a 7 anni. Caligara ne ha impiegati 6 di più: cresciuto ad Arona, dopo avere mosso i primi passi della sua carriera in compagini locali nel 2009 era all’Inter e tre stagioni più tardi passò alla Pro Vercelli. Proprio durante un torneo a cui partecipava anche la Juventus venne notato da mister Grabbi e dagli osservatori del suo attuale club.

«E’ stato un orgoglio essere selezionato dalla squadra che amo. Ce la metterò tutta per arrivare fino in serie A, anche se non sarà un percorso facile». Caligara è un centrocampista sinistro naturale, ma che sa giocare senza difficoltà a destra. Dotato di buon fisico, longilineo, le sue caratteristiche principali sono un notevole dinamismo, una ottima inclinazione al pressing, al gioco di prima e possiede una buona intuizione che lo porta a proporsi in area per la finalizzazione oppure ai limiti della stessa per il tiro, forte e preciso. Speriamo di avervelo presentato nel miglior modo possibile e di poterlo seguire e vedere maturare insieme a voi per molti anni, naturalmente nella sua squadra del cuore: la Juventus.

Ecco la sua scheda tecnica.

Fabrizio Caligara
Data di nascita: 12 aprile 2000
Luogo di nascita: Borgomanero (Novara)
Altezza: 1,80 m
Ruolo: centrocampista
Alla Juventus da: gennaio 2013

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.