IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Il Chinotto di Savona punta alla Dop, via alle procedure per ottenere il riconoscimento

La specificità di questo agrume rispetto a quelli coltivati altrove è che è senza semi ed ha una buccia molto fine

Più informazioni su

Savona. Il chinotto di Savona è pronto a fare un ulteriore passo verso la valorizzazione. Dopo il recupero della coltura quasi abbandonata avvenuto a cominciare dal 2004 con l’attivazione di un presidio Slow food, sono pronti ad attivare, dal prossimo maggio, la richiesta della certificazione Dop e, nei loro piani, è anche prevista l’istituzione di un consorzio di tutela.

Il prodotto tipico della terra savonese viene coltivato nei tipici terrazzamenti nella zona del ponente ligure in una fascia di circa 20 chilometri che va da Varazze a Pietra Ligure. E’ già stato avviata una collaborazione con il CeRSAA di Albenga che sta preparando tutte le analisi e la documentazione necessaria con cui si potrà presentare la domanda di certificazione a maggio. I produttori, tra l’altro, preferiscono questo tipo di riconoscimento territoriale all’Igp perché garantisce un assoluto legame con il territorio della provincia di Savona.

Grazie anche al presidio Slow food oggi la crescita di appeal del prodotto fa sì che il mercato riconosca all’agricoltore un prezzo al chilo anche superiore alle sette euro. Da 350 piante ora nei 12 Comuni interessati, si è arrivati a coltivare 2.800 piante di cui 800 già in produzione e altre circa duemila pronte alla produzione a cominciare dai prossimi tre anni. La specificità di questo agrume rispetto a quelli coltivati altrove è che è senza semi ed ha una buccia molto fine. Allo stesso tempo, il contenuto di vitamina C è 800 volte superiore a quello degli agrumi normali.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.