IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Alassio, Canepa vs. Avogadro ultimo atto: “Elenca risultati non suoi, ora basta con queste polemiche”

Il primo cittadino chiude la discussione: "Lui ha la pensione da senatore, io invece devo lavorare per risolvere i suoi pasticci..."

Alassio. “L’ex Sindaco non solo è disinformato, ma dà anche prova di scarsa memoria. Nemmeno uno dei risultati da lui annunciati appartengono alla sua amministrazione”. Così, con poche parole, il sindaco ​di Alassio Enzo Canepa “piccona” l’ultima replica del predecessore Roberto Avogadro: la querelle tra i due va avanti ormai da giorni, innescata dal riconoscimento di “Città Europa dello Sport” conquistato dalla città del Muretto.

Un premio che Avogadro ha definito “patacca”, scatenando le ire del sindaco. Alle sue critiche Avogadro aveva risposto intimandogli di “parlare quando sarà riuscito a fare un quarto delle cose che ho fatto io”, e a suffragio di questa tesi aveva fornito un lungo elenco: la realizzazione della nuova biblioteca comunale; l’acquisizione e l’uso della ex Chiesa Anglicana; il premio letterario ‘Alassio Cento Libri’; l’apertura di palazzetto prima e stadio poi, bloccati da problemi burocratici e di gestione; l’avvio, con la firma del contratto, del recupero del Grand Hotel, struttura fatiscente ferma da decenni; la creazione dell’ufficio turismo e il rilancio di Miss Muretto”.

Peccato che, almeno stando a quanto asserisce Canepa, nessuno di quei risultati sia merito di Avogadro. “Purtroppo, quello che è stato in grado di fare, anzi di distruggere, lo ha ampiamente dimostrato nel corso del suo ultimo mandato” tuona il sindaco. Che poi tronca la polemica: “Ho già dedicato troppo tempo a questa diatriba di basso profilo. A differenza di Avogadro, che percepirà una lauta pensione da ex senatore e ha tanto tempo da perdere in polemiche mediatiche, io, il mio tempo, preferisco impiegarlo per lavorare per la Città e per risolvere i tanti pasticci che lui ha lasciato in eredità ai cittadini di Alassio”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.