IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Dopo il servizio de “Le Iene”, contro la Brigliadori adesso arriva un esposto in Procura fotogallery

La "denuncia" è partita dal consigliere comunale Eraldo Ciangherotti e dall'alassino Alessandro Scarpati

Balestrino. Albenga. Un esposto alla Procura della Repubblica di Savona per segnalare il contenuto del servizio della trasmissione “Le Iene” incentrato sulle teorie anti-chemioterapia dell’attrice e conduttrice Eleonora Brigliadori. Il documento, spedito oggi, è firmato dal consigliere comunale di Albenga Eraldo Ciangherotti e dal geologo alassino Alesandro Scarpati.

Brigliadori balestrino

“Con la presente segnaliamo alla Vostra attenzione il servizio giornalistico a cura della giornalista de Le Iene Nadia Toffa, registrato a Balestrino e andato in onda ieri, in prima serata, su Italia 1. Nel video, di cui alleghiamo il link del sito web “Le Iene” dove poterlo visionare (http://www.iene.mediaset.it/puntate/2016/10/02/toffa-consigli-maligni-di-una-showgirl_10386.shtml) l’attrice Eleonora Brigliadori promuove, in mezzo alla collettività, il metodo dell’ex medico tedesco Ryke Geerd Hamer (radiato dall’Albo nel 1981) che sostiene un collegamento tra l’insorgenza delle malattie e precisi squilibri psichici dei pazienti” si legge nell’esposto di Ciangherotti e Scarpati.

esposto brigliadori

“Nel video, Eleonora Brigliadori consiglia ai malati di cancro di non sottoporsi alla chemioterapia, pronunciando affermazioni pericolose prive di ogni fondamento scientifico.
Nel video, per altro, Eleonora Brigliadori viene accusata, senza alcuna smentita da parte della diretta interessata, di allestire questi riti solo per denaro (‘Hai incassato 100 euro in nero da ognuna’). Per tali ragioni, segnaliamo il contenuto del servizio giornalistico alle Autorità giudiziarie per valutazione di eventuali profili di illegittimità, certi della necessaria tutela che i pazienti malati di tumore, profondamente vulnerabili, vivono di fronte a messaggi terapeutici così distorti lanciati da personaggi dello spettacolo” concludono i due firmatari dell’esposto.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Giro

    Il giorno che la Procura si interesserà veramente di quello che fanno aziende farmaceutiche ed ospedali con la chemioterapia.., altro che Brigliadori.