IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Savona, Vignola nuovo presidente del Pd. Frumento rivela: “Con te al timone avrei appoggiato Battaglia”

Ieri sera l'elezione, succede a Franco Lirosi che saluta in modo sibillino: "Ottima persona, spero lo lascino lavorare e non gli passino dietro alle spalle..."

Savona. Il nuovo presidente dell’assemblea savonese del Partito Democratico è Reginaldo Vignola. L’elezione, avvenuta all’unanimità, è arrivata ieri sera nel corso dell’assemblea cittadina del partito.

Vignola succede a Franco Lirosi, ex assessore e decano del partito che, però, la scorsa primavera era stato “accantonato” dal team di Cristina Battaglia al momento di scegliere le candidature sancendo, di fatto, una spaccatura tra Lirosi con i vertici provinciali che si è rivelata insanabile. Una frattura che emerge chiaramente anche dal saluto che Lirosi riserva a Vignola, una frase sibillina: “Ottima persona, spero lo lascino lavorare e non gli passino dietro alle spalle“.

Tra le molte congratulazioni giunte a Vignola dai diversi esponenti del Pd ci sono anche quelle di un ex alleato, Carlo Frumento, divenuto avversario in campagna elettorale e infine sostenitore dell’attuale sindaco Ilaria Caprioglio. Le sue parole, però, fanno intuire che, con Vignola al timone, sarebbe rimasto nei ranghi della sinistra: “Caro Reginaldo, mi congratulo con te ed anche con chi ha preso questa importante e giusta decisione – scrive l’ex candidato sindaco – Questo mi fa pensare che finalmente si è capito quale strada va seguita per dare credibilità alla sinistra, con una persona come te che ho avuto il piacere di conoscere ed apprezzare nella passata legislatura. Reginaldo credimi, con te in questa carica le mie decisioni al ballottaggio sarebbero state diverse perché tu certamente avresti consigliato Cristina, che apprezzo, a liberarsi da qualcuno! Io, in questo caso, mai sarei andato contro”.

Frasi che hanno indispettito gli aderenti del Pd, come il sindaco di Bergeggi Roberto Arboscello: “Va benissimo ed è un vanto essere democratici ma questo non significa essere stupidi. I savonesi, e non solo, di sinistra sanno giudicare. Nella vita si fanno delle scelte…”. Gli fa eco Pietro Li Calzi: “Limitarsi ai complimenti no, sarebbe stato chiedere troppo… e allora arriva pure il pistolotto di cui sinceramente avremmo fatto a meno, così come di certe improbabili scusanti postume”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.