IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Savona è pronta: arriva l’Oktober Kombat foto

Tanti campioni importanti degli sport da combattimento, un titolo italiano e uno europeo in palio durante la kermesse savonese

Domenica 23, gli appassionati delle arti marziali hanno ormai un appuntamento fisso, quello di Oktober Kombat a Savona, presso il palazzetto dello sport in corso Tardy & Benech, galà di sport da combattimento organizzato da Andrea Scaramozzino (Kickboxing Savate Savona) , Alessandro De Blasi (Kombat Team Alassio) e Luca Cuccu (Body and Dream Genova).

Il prologo della kermesse avverrà già sabato 22 alle 18 presso il Caffè Storico in via Paleocapa, dove avrà luogo la presentazione degli atleti pro e delle cinture in palio, quella di Campione Italiano Pro di K1 e quella di Campionessa Europea di Savate, e la cerimonia ufficiale del peso. Già in questa sede già si prevedono momenti “caldi”, durante il faccia a faccia tra i contendenti spesso si accendono scintille,  più che altro per dare un tocco di spettacolarizzazione in più ad un evento che già di per sé garantisce un livello di adrenalina molto elevato.

Prestige fight con protagonisti di primo livello come la sfida tra l’alassino Stefano Fanelli (Kombat Team Alassio), già campione italiano Fight1, contro il piemontese Giuseppe Bongiovanni (Gladius Team) e quella tra l’albenganese Zakkaria Zouki (Team Olimpia Albenga) seguito dai maestri Valter Orrù e Vittorio Zamana, contro il genovese Mirko Zunino (Kaishorn Kai Muay), selezioni Oktagon con giovani promesse come Serenile Tarditi di Cengio (ASD Impacto Loano), allenato dal maestro Giovanni Perlungher, opposto a Claudio Ivaldi (Body & Dream Genova), ed affermate realtà come il peso massimo di origini moldave Dragos Zubco del Kombat Team Alassio di Alessandro De Blasi che affronterà Ivan Dailly (GMG Team Treviso).

La grande serata di sport da combattimento culminerà con due match di grande rilevanza: la disputa del titolo italiano pro di K1 tra il beniamino locale Giovanni Spanu (Kombat Team Alassio) ed il lombardo Marco Ronchetti (Mushin Team Como) e quella del titolo europeo di savate tra la savonese Chiara Vincis (Team Scaramozzino Savona), fresca vincitrice del suo secondo titolo internazionale in Svizzera, e la francese Jacqueline Beroud.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.