IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Savona, in auto un machete da 46 centimetri e a casa la droga: 23enne in manette

L'arresto ha preso le mosse da un normale controllo: nel bagagliaio aveva anche due coltelli, mentre nella sua abitazione una scorta di hashish, marijuana e ketamina

Più informazioni su

Savona. Lo hanno fermato per un normale controllo, ma quando dalla sua auto sono saltati fuori un machete con una lama da 46 centimetri e due coltelli, nei suoi confronti sono scattati accertamenti più accurati. Controlli che hanno permesso di trovare in casa sua anche 27 grammi di hashish in ovuli, 13 grammi di marijuana e meno di un grammo di ketamina.

Per questo nei confronti di un marocchino di 23 anni, Mohamed Laouibi, residente a Savona e con qualche precedente, sono scattate le manette. Il ragazzo è stato fermato questa notte dai carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Savona che hanno notato la sua auto, una Volkswagen Golf, che si aggirava in maniera sospetta per le vie del centro città.

I militari quindi hanno deciso di procedere con un controllo che ha permesso di trovare, nel bagagliaio, le armi bianche (oltre al machete c’era un coltello Opinel con lama da 8 centimetri e un coltellino multiuso). A quel punto, sospettando che il nordafricano potesse essere coinvolto in qualche giro illecito, gli uomini dell’Arma hanno deciso di stendere il controllo anche all’abitazione del giovane dove è stata ritrovata la droga, ma anche denaro contante e un telefono cellulare.

Per questo motivo per il marocchino sono scattate le manette per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e una denuncia a piede libero per “violazione delle leggi sulla detenzione e sul trasporto di armi”.

Laouibi, dopo le formalità di rito, in accordo con il pm di turno Vincenzo Carusi, è finito agli arresti domiciliari in attesa di essere interrogato per la convalida dell’arresto. Questa mattina il nordafricano è stato processato per direttissima in tribunale ed al giudice ha spiegato che la droga era per uso personale e che i soldi trovati in casa sono quelli guadagnati con un lavoro da magazziniere. Il giudice ha deciso di convalidare l’arresto e lo ha rimesso in libertà con l’obbligo di firma quotidiano in caserma. Vista la richiesta di termini a difesa il processo riprenderà invece il prossimo 17 ottobre.

Negli ultimi 7 giorni l’attività dei Carabinieri della Compagnia di Savona finalizzata al contrasto della detenzione fini spaccio di sostanza stupefacente ha portato all’arresto di tre persone ed al sequestro complessivo di 35 grammi di cocaina, 5 grammi di eroina, 33 grammi di hashish, 13 grammi di marijuana e 0.2 grammi di ketamina.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. F.Nietzsche
    Scritto da F.Nietzsche

    Un marocchino..e ma va..?!