IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Savona Arancione accusa il Comune: “Tasse e tagli, nessuna sensibilità sul sociale”

"Caprioglio vede le società di mutuo soccorso come covo di comunisti anziché strumenti di aiuto agli sfortunati"

Savona. “Tra le pochissime azioni concrete dell’attuale governo cittadino, una ha colpito di certo non solo noi ma tutti i savonesi: la totale mancanza di sensibilità nei confronti del sociale”. E’ l’accusa lanciata da Savona Arancione, il movimento politico di centrosinistra che fa riferimento all’ex assessore Sergio Lugaro.

La critica deriva da alcune decisioni prese dall’amministrazione Caprioglio riguardo all’aumento di alcune aliquote ed al taglio di contributi ad associazioni e cooperative del settore. Provvedimenti che, dal canto suo, l’attuale giunta ha sempre motivato riferendosi alla difficile situazione di bilancio lasciata dall’amministrazione Berruti.

Lugaro e gli Arancioni iniziano proprio ricordando che “la passata amministrazione ha fatto molto per lottare contro questa patologia. Un regolamento che impedisce agli esercizi commerciali di avere slot machine vicino a chiese, scuole e centri di aggregazione (purtroppo le sale vlt regolate direttamente dalla prefettura e questura non ricadono però tra queste) e un’iniziativa ‘Qui non si gioca con la vita’ che, in collaborazione con Auser, Associazione Atlantide, Asl2 e Amali, ha promosso non solo le forme per lottare contro questa patologia ma anche voluto stabilire, una volta per tutte, che il gioco è bello, è l’azzardo che lo rende tragico. Il tutto si sarebbe concluso con un convegno che, per capricci elettorali, è stato rimandato e che presto, speriamo, si possa, svolgere”.

“Sicuramente, però – ricordano – il provvedimento più importante è stato quella di aver dato ospitalità, nella sede della ex I circoscrizione di Lavagnola, alla casa dell’auto mutuo aiuto. Casa che ospita tra l’altro i Giocatori Anonimi, gruppo che raccoglie persone da tutta la Liguria. La casa dell’auto mutuo aiuto è stata, fino a pochi giorni fa, l’unica del Nord Italia. La casa è sempre stata data in uso gratuito ai gruppi AMA.Li per vari motivi. Il primo è che non sono associazione a scopo di lucro, il secondo, e più importante, è che tali gruppi svolgono un’azione di prevenzione socio-sanitario sul territorio dando una forte mano agli operatori della sanità. Non vorremmo vedere – come peraltro richiesto da un gruppo consigliare di opposizione del passato mandato e di quello in corso – queste persone, che cercano di uscire da un inferno, dover pagare, sempre che possano farlo, per recuperare la propria salute fisica e mentale. Costrette soprattutto da chi ha la responsabilità della salute provinciale in quanto presidente della conferenza dei sindaci: la Sindaca Caprioglio”.

Ed ecco l’attacco: secondo Savona Arancione la giunta sarebbe insensibile ai temi sociali. “Per esempio il fatto di aumentare la tassazione alle società di mutuo soccorso significa non conoscere affatto l’opera di mutualismo, cioè di aiuto, per gli associati e per i cittadini più sfortunati dei quartieri. E’ probabile che le stesse siano ancora vissute come uno spauracchio dal governo cittadino di destra in quanto covo di comunisti, ma le società sono cambiate e le condizioni economiche dei cittadini cambiate anche loro, sempre in peggio. Un secondo smacco è stato dato alla Coop Laltromare che per lo Scaletto senza Scalini, vista l’alta affluenza di persone con disabilità motorie e di anziani, chiedeva inutilmente dei fondi per una settimana di lavoro in più. Per ultimo, ma non certo meno importante, i tagli ai centri educativi, essenziali per prevenire costi sociali maggiori in futuro, gli aumenti delle quote mensili per gli asili e, vista l’insensibilità con cui palazzo Sisto tratta il sociale, cos’altro ancora”.

“Ora – concludono – la solfa ‘è colpa degli altri perché ci hanno lasciato un bilancio disastroso’ l’abbiamo sentita e risentita e imparata a memoria; ma adesso bisogna governare la città con azioni concrete a partire dal sociale appunto. La città ha bisogna della sua sindaca e della giunta”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.