IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Savona, al via gli eventi del premio nazionale Inquieto dell’Anno

Il 7 ottobre a Savona “La casa vicino al mare” con Il Teatro dei Sensibili

Più informazioni su

Savona. Evento di apertura del Premio Inquieto dell’anno domani, alle ore 21, presso la Sala Teatrale Cattivi Maestri alle Officine Solimano di Savona. Il Teatro dei Sensibili, con gli attori Eleni Molos e Luca Mauceri, presenterà lo spettacolo “La casa vicino al mare. La Grecia come viaggio. La Grecia come patria. La Grecia come Madre d’Europa”, viaggio nell’Ellade tra poesia, musica e teatro dai testi di Costantin Kavafis e Giorgio Seferis tradotti da Guido Ceronetti, Inquieto dell’Anno 2012.

“Un tenace filo di poesia ha percorso la storia della Grecia nei secoli, come a tessere una continuità ideale in un susseguirsi di strappi, conflitti, incontri, esilii, ritorni”, spiegano al Circolo degli Inquieti, che organizza il Premio e gli eventi collaterali con il patrocinio del Comune di Savona e della Repubblica Ellenica Consolato Generale di Milano, e il contributo della Fondazione De Mari e della Camera di Commercio Riviere di Liguria.

“I poeti e i cantori della Grecia – proseguono – hanno spesso abitato fuori dalla terra patria, o hanno subito la morsa della guerra e della prigione; oggi, sono testimoni della povertà propria e di coloro che accolgono sulle loro coste. Più di altri sembrano destinati ad interrogarsi sul destino tragico dell’uomo, eppure la Grecia è anche allegria sfrontata, canto scandito dal bouzouki e scaldato dal vino delle taverne. Il Teatro dei Sensibili, con Eleni Molos e Luca Mauceri, propone un percorso di poesia e musica che, tenendo come bussola le traduzioni ceronettiane di Kavafis, tenta un dialogo tra Grecia antica e contemporanea, popolare e colta, nel segno dell’inquietudine. Ci accompagneranno in questo viaggio Ritsos, Saffo, Seferis, Kazantzidis, Màtesis, Eschilo”.

In omaggio a Luciano Canfora, filologo classico, storico e saggista italiano di fama internazionale, che la sera del 9 ottobre riceverà al Teatro Chiabrera il Premio Inquieto dell’Anno 2015, tutti gli eventi di quest’edizione sono dedicati alla Grecia e alla grecità.

“Si parte da lontano, – commenta il presidente del Circolo degli Inquieti, Paolo De Santis – dal mito di Europa che rapita da Zeus cede alle metamorfosi del Padre degli Dei per dare il via ad una stirpe mitica dei Re di Creta, Minosse da cui discese il Minotauro ed Arianna. Quei territori da Creta a nord presero il nome di Europa, dal significato di terra ben irrorata, feconda. Noi che oggi siamo attanagliati da una visione dell’Europa intesa come terra assediata, impaurita ed incapace di prevedere il futuro, discendiamo da questo. Su questa linea, apparentemente lontana, in realtà attualissima, si dipaneranno le tre iniziative che il Circolo degli Inquieti organizzerà dal 7 al 9 ottobre, culminanti con il conferimento a Luciano Canfora della “pentola sghimbescia” che da diciannove edizioni connota l’Inquieto dell’anno”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.