IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Rissa tra migranti all’Hotel Lux: il sindaco di Calizzano chiede incontro “urgentissimo” alle istituzioni

In una lettera a Prefettura, Questura, Carabinieri, TPL e Faggio Olivieri convoca una riunione per lunedì prossimo

Calizzano. “Abbiamo purtroppo evidenza della gravità dei fatti accaduti nella giornata di ieri presso la struttura CAS – Albergo LUX in Calizzano. L’evento si somma agli incresciosi fatti appresi solo informalmente nei giorni scorsi e quanto già segnalato con riferimento alle problematiche riscontrate sui trasporti pubblici”.

Con queste parole il sindaco di Calizzano, Pierangelo Olivieri, in una lettera indirizzata a Prefettura, Questura, Carabinieri, TPL e cooperativa Il Faggio, chiede un incontro “urgentissimo” presso il Comune di Calizzano per lunedì prossimo, 17 ottobre, alle ore 17.30.

Una mossa che rende ancora più ufficiale, se possibile, il “malumore” dell’amministrazione nei confronti di un problema, quello dell’accoglienza dei migranti, sempre più “sopportato” e meno tollerato. La classica goccia che ha fatto traboccare il vaso è la rissa avvenuta venerdì sera all’Hotel Lui tra due nigeriani, Omoruyi Skyboy (25 anni) e Okunrobo Omoba (23), e due giovani originari della Costa d’Avorio, il 25enne Kone Adama ed il 18enne Domande Salvador.

I quattro si sono resi protagonisti di una lite all’interno dell’hotel che li ospita: la discussione tra i due ivoriani e i due nigeriani ben presto è sfociata in scontro fisico. Due di loro, Kone Adama e Omoruyi Skyboy, sono stati in seguito portati all’ospedale Santa Corona di Pietra Ligure dove hanno ricevuto entrambi 8 giorni di prognosi per lievi ferite al volto. Skyboy è stato anche trovato in stato di abuso di cannabinoidi. Nel corso della rissa è rimasta ferita anche una terza persona, il 22enne gambiano Jabbie Dauda, che è intervenuto nel tentativo di sedare la lite riportando lievi ferite alla mano sinistra.

I quattro protagonisti della rissa sono poi stati deferiti in stato di libertà, con l’accusa di rissa e lesioni, dai carabinieri di Calizzano.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.